Ecco alcuni passaggi che puoi seguire durante la semina e la coltivazione delle tue giovani piante vegetali per aiutare a scongiurare le malattie delle piante.

Inizia con pentole super pulite. Assicurarsi di pulire tutti i residui visibili dall’uso precedente o utilizzare nuovi contenitori.

Piantine sane e un ambiente sano si tradurranno in piante sane e avrai maggiori possibilità di evitare le malattie.

Ecco alcuni suggerimenti che ti permetteranno di mettere le probabilità a tuo favore fin dall’inizio:

1) Disinfetta i tuoi contenitori.

Immergere pentole, piatti e vassoi lavati in una soluzione di una parte di candeggina in 10 parti di acqua per mezz’ora. Questo ucciderà tutti i microrganismi patogeni delle piante rimanenti che potrebbero indebolire o uccidere le tue tenere giovani piantine. È anche bene pulire le cazzuole con la soluzione di candeggina.

2) Promuovere un buon ambiente di semenzaio.

Semina i semi in miscele di partenza e trapianto prive di erbacce e malattie. Un buon mezzo di semina dovrebbe essere fine e uniforme, ma ben aerato, sciolto e privo di parassiti, malattie e semi di erbe infestanti. Dovrebbe anche essere in grado di trattenere e spostare l’umidità attraverso l’azione capillare. Cerca questi supporti nel tuo negozio di giardinaggio locale.

3) Non usare il terreno del tuo giardino per le piantine.

Non usare il terreno del tuo giardino per piantare semi in casa. Il terreno tipico nel tuo giardino è solitamente troppo denso, pieno di semi di erbe infestanti e non pastorizzato, causando malattie e morte delle piantine. E quel terreno spesso non drena bene come le miscele di semina. Può sviluppare una crosta che impedisce alle piantine di spingere attraverso il terreno.

4) Favorisci il terreno.

Un buon terreno aumenterà le tue possibilità di successo per le tue piantine.
Una ricetta semplice per un buon terriccio pastorizzato di base per la coltivazione di piantine di ortaggi: mescola un terzo (in volume) di terriccio o compost pastorizzato, un terzo di sabbia, vermiculite o perlite e un terzo di torba. Altre ricette abbondano su Internet, ma questa è semplice e diretta e ha funzionato per molti maestri giardinieri.

5) Pastorizzare il compost.

Per pastorizzare il compost, metti il ​​compost leggermente umido in un contenitore o padella resistente al calore. Coprire con un coperchio o un foglio di alluminio. Mettere in forno a 250 gradi per almeno mezz’ora. Usa un termometro per carne per assicurarti che la miscela raggiunga una temperatura di 180 gradi per un’intera mezz’ora. Evita di surriscaldarlo poiché la struttura del terreno può essere danneggiata, rendendolo inutile come ingrediente del terreno per le piantine.

Smorzamento

6) Seguire le istruzioni.

Segui le istruzioni di semina consigliate sulla confezione del seme. Indipendentemente dal fatto che inizi a coltivare i semi all’interno o all’esterno, segui le istruzioni sulla confezione dei semi in base al tuo metodo. Dopo aver piantato i semi in casa, inumidisci il terreno prima di piantare i semi. Quindi fino alla germinazione, fai attenzione a non lavare i semi sciolti. Uso un flacone spray per innaffiare la superficie del terreno prima che i semi germinino, quindi passo all’irrigazione dal basso mentre le piantine sviluppano un apparato radicale.

7) Mantenere una buona circolazione dell’aria.

Una buona circolazione dell’aria è fondamentale una volta che i semi germogliano e hanno più gruppi di foglie. Una volta che i semi sviluppano foglie vere, hanno bisogno di molta aria. Questo non solo scoraggia le malattie delle piante, ma l’aria in movimento rende anche le piante più forti. Assicurati di rimuovere qualsiasi rivestimento che avevi sui contenitori di avviamento dei semi una volta che i semi sono germinati.

8) Utilizzare il calore del suolo.

Un tappetino termico sotto i vasi delle piantine aiuterà i semi a germogliare più velocemente, prevenendo il marciume. Se inizi a piantare piantine della stagione fredda come broccoli o cipolle, tirale fuori e coltivale in una finestra soleggiata o appena sotto luci fredde. Tenere le piantine della stagione calda (ad esempio peperoni e melanzane) fuori dal fuoco fino a quando non hanno più foglie.

9) Acqua saggiamente.

Una volta completata la germinazione, annaffia dal basso se puoi. Cerca di mantenere asciutto il terreno superficiale il più a lungo possibile. Evita di annaffiare frequentemente dall’alto in quanto ciò mantiene il terreno superiore troppo umido, il che favorisce la crescita dei funghi. Se le piantine si trovano in appartamenti o cornici fredde, dai loro quanta più aria e luce possibile. Più il terreno è secco, più leggero e migliore è il drenaggio dell’aria, minori sono le possibilità che la malattia diventi un problema.

10) Non dimenticare di concimare.

Le verdure coltivate in contenitori necessitano di concimazione regolare. Un fertilizzante solubile per tutti gli usi che può essere miscelato con acqua è il tipo più semplice da utilizzare con le piante in contenitore. Fertilizzare ogni tre o quattro giorni con una soluzione che è la metà della forza del rapporto di miscelazione raccomandato.

Tutta questa igiene orticola previene le malattie, inclusa la micidiale malattia della piantina chiamata smorzamento. Questa malattia fungina attacca le piantine tenere subito dopo la germinazione, quando sono piuttosto vulnerabili. Lo stelo di una piantina infetta si scolorisce, inizia a ridursi e quindi la piantina cade.