Press ESC to close

7 consigli per sbloccare il lavello della cucina

Il lavandino è uno degli oggetti della casa in cui si accumulano più germi. Il lavandino della cucina o del bagno intasato, infatti, è uno dei problemi più comuni e fastidiosi che possono sorgere. Tendiamo allora a farci prendere dal panico e pensiamo subito di contattare un idraulico.

Ma prima di pensare a spendere soldi, sapevi che esistono diversi consigli che possono aiutarti a sturare rapidamente le tubature, senza l’aiuto di un idraulico.

Perché il lavello della cucina si intasa?

Gli scarichi della cucina di solito si intasano quando il grasso di cottura o l’olio si accumulano nei tubi. Aggiungi a quella schiuma di sapone e particelle di cibo non disciolte (come il riso che si espande nell’acqua) e avrai un intasamento ostinato e puzzolente.

Come sturare il lavello della cucina con consigli fatti in casa?

1. Aceto, bicarbonato e sale

Aceto

Per prima cosa, prova questo modo radicale per sturare i tuoi lavandini.

  1. Prendi 1/2 tazza di bicarbonato di sodio e 1/4 tazza di sale. Mescolateli insieme e versateli nel lavandino.
  2. Scaldare l’aceto fino all’ebollizione e versarvi gli ingredienti precedenti.
  3. Coprire rapidamente lo scarico per evitare che la schiuma risultante trabocchi.
  4. Attendi dai 15 ai 30 minuti. Infine sciacquate il tutto con abbondante acqua calda.

Piccolo consiglio: prima di applicare i prodotti, versa lentamente nel lavandino dell’acqua molto calda, che aiuterà ad ammorbidire i residui di cibo e lo sporco.

2. Aceto bianco e bicarbonato di sodio

Aceto bianco e bicarbonato di sodio sono entrambi prodotti potenti antiossidanti con proprietà sgrassanti e smacchianti ineguagliabili. Sono altamente consigliati quando si tratta di risolvere il problema delle tubazioni intasate. Molto efficace, veloce ed economico, questo metodo era la soluzione immediata utilizzata dalle nostre nonne.

  1. Versare l’acqua bollente nello scarico. In questo caso, puoi applicare una grande quantità di questa miscela.
  2. Quindi aggiungere una tazza di bicarbonato di sodio e lasciare agire per qualche minuto.
  3. Mescolare acqua bollente e aceto in una ciotola e aggiungere sopra il bicarbonato di sodio.
  4. Copri lo scarico. Puoi usare un tappo di sughero, uno stantuffo o qualsiasi altra cosa.
  5. Versare un altro bicchiere di acqua calda. Quindi risciacquare tutto.

3. Sale e acqua bollente

Sale

Il sale è spesso consigliato per pulire la pipa dall’interno: elimina efficacemente batteri e cattivi odori. L’acqua bollente aiuterà a sciogliere tutto.

Il duo sale/acqua bollente è l’opzione più delicata per pulire le pipe. Poiché questo metodo non è potente come i precedenti, potresti voler eseguire l’applicazione più volte.

  1. Prendi mezza tazza di sale e versala nel lavandino.
  2. Prendere un bollitore con acqua bollente e versarvi il sale .
  3. Chiudi l’acqua calda dal rubinetto e risciacqua più accuratamente il lavandino.
  4. Ripetere se necessario.

4. Un pezzo di carta

Se hai capelli e residui di prodotto nelle tubature, abbiamo ancora una soluzione poco conosciuta: puoi prendere un pezzo di carta, ritagliarlo e metterlo nel lavandino. Muovilo su e giù e da un lato all’altro. Noterai che lo sporco inizia a raccogliersi sul pezzo inclinato sottostante in modo da poterlo estrarre dai tubi. È sorprendente, ma funziona!

5. Appendiabiti in metallo

Appendiabiti in metallo

Come con la carta, anche una gruccia di metallo potrebbe fare al caso tuo! Prendi un paio di pinze e piega la gruccia in modo che sia dritta. Lascia una leggera curva all’estremità, crea un piccolo gancio. Questo consiglio ti sarà utile per sturare i lavandini della cucina e del bagno.

6. Ventosa

Infine, la soluzione meno costosa e più comune per sturare i lavelli non è altro che la ventosa.
Se ne hai uno a casa, non devi preoccuparti di acquistare altri prodotti.
Il tuo lavello è composto da due parti? Tutto quello che devi fare è bloccare uno degli scarichi. Successivamente posiziona la ventosa nel secondo foro, apri il rubinetto e riempi il lavandino con acqua fino a coprire la ventosa.
Usa tutta la tua forza per succhiare, ripeti 6-10 volte, quindi rimuovi.

Se l’acqua defluisce senza problemi, l’hai sbloccata con successo. In caso contrario, ripetere il processo più volte. Dopo aver sturato il lavandino, versa acqua calda per pulire i tubi.

7. Cristalli di soda

Uno dei trucchetti più efficaci della nonna è sturare il lavandino con cristalli di soda. Per fare questo, versane semplicemente una tazza nel condotto. Poi versatevi sopra 1 litro di acqua bollente e il gioco è fatto!

Ovviamente, se nessuno di questi rimedi funziona e i lavandini sono ancora intasati, deve esserci un vero problema idraulico nel profondo. In questo caso è meglio chiamare subito un professionista.