Press ESC to close

Come eliminare umidità e muffe con un rimedio semplice ed efficace?

La presenza di muffe sulle nostre pareti è garanzia di aria ambientale umida e poco salubre. Una situazione ripugnante che spetta a noi risolvere il più rapidamente possibile. Ecco come farlo.

Per combattere l’umidità  e godere di un ambiente piacevole , vi offriamo consigli efficaci ed ecologici.

Parete e soffitto ricoperti di muffe – provenienza: spm

Come pulire la muffa dai muri

Prima di affrontare la pulizia degli stampi, se il problema è particolarmente grave, è meglio rivolgersi alla competenza di un professionista. E per una buona ragione, la muffa può essere responsabile di problemi di salute, in particolare di allergie. Se l’area da trattare non è molto estesa, assicurati comunque di proteggerti con  guanti, occhiali protettivi e una maschera per il viso.

Preparare una soluzione di acqua e aceto bianco

Preparare una parte di aceto bianco in tre parti di acqua, quindi strofinare la zona annerita con la soluzione utilizzando  una spazzola a setole rigide . Successivamente risciacquare con un panno umido e lasciare asciugare.

In alternativa potete preparare  una spruzzata di acqua e aceto bianco  da spruzzare sul muro e lasciare agire tutta la notte. Il giorno successivo strofinare con una spugna umida prima di asciugare il muro con un panno asciutto.

Pulitura pareti – fonte: spm

Ventilare la casa

Uno dei migliori riflessi da adottare è ventilare bene la casa. Una buona ventilazione aiuterà  a evacuare tutta l’umidità derivante dalle vostre attività quotidiane  e che contribuisce alla formazione di muffa sulle pareti. È quindi importante arieggiare la casa semplicemente aprendo le finestre senza dover investire in un deumidificatore. Tuttavia, quest’ultimo rimane pratico in questo tipo di casi.

Controlla anche la presenza di funghi microscopici attorno ai telai delle finestre o al soffitto del tuo bagno. Fenomeni causati  da vapore acqueo che non può essere evacuato.

Migliora l’isolamento

Per  ridurre la perdita di calore e migliorare l’isolamento , è possibile installare finestre con doppi vetri con due strati di vetro. Lasciare aperte anche le bocchette di deflusso per consentire all’aria umida di fuoriuscire. Naturalmente puoi chiuderli come desideri.

Procurati un deumidificatore

Prima di scegliere un deumidificatore, considera le dimensioni della stanza e il livello di umidità che può contenere. Dovrai quindi installare il dispositivo in una zona come il seminterrato o il bagno e poi impostarlo  sul livello di umidità ideale, ovvero tra il 40% e il 60%. Inizialmente il deumidificatore inizierà  rimuovendo l’umidità in eccesso  e poi, una volta eliminato questo eccesso, manterrà un livello di umidità ideale. Puoi anche beneficiare  dell’effetto deumidificante di alcune piante da interno.

Come prevenire i problemi di condensa?

Quando l’aria umida della stanza viene esposta a una superficie a temperatura più bassa, l’umidità non fuoriesce dalla stanza. Di conseguenza, intorno alla finestra o nelle zone fredde si formano piccole gocce d’acqua. Per porre fine a questo problema di condensa,  sarà opportuno asciugare i muri  prima di passare a soluzioni per prevenire questo tipo di problema.

Prevenire il ripresentarsi del problema della condensa

Apri una finestra per favorire la ventilazione della casa e controlla se le prese d’aria sono bloccate. Se non fai entrare aria fresca dall’esterno, puoi alzare il livello del termostato. Inoltre, se non disponi di un deumidificatore,  preferisci evitare di asciugare la biancheria in ambienti chiusi.

Condensazione – fonte: spm

Suggerimenti per prevenire la muffa sui muri

Vernice antiumidità:  dovresti trovare la vernice antimuffa nei negozi di bricolage. Ciò impedirà alle spore di depositarsi nuovamente sulle pareti.

Elimina le condizioni di umidità:  mantieni le aree umide della casa il più asciutte possibile e assicurati di asciugare asciugamani e tende da doccia. Ecco  6 consigli per eliminare la muffa che potrebbe attaccarsi.

Agire immediatamente in caso di perdite:  non appena noti delle perdite, agisci il prima possibile chiamando un professionista.

Ventilazione meccanica controllata (VMC):  puoi anche investire in un sistema di ventilazione meccanica progettato per rinnovare l’aria interna.