Press ESC to close

Come fai a sapere quando una pianta ha bisogno di acqua?

L’acqua è un elemento vitale per prendersi cura delle piante d’appartamento e favorirne la corretta crescita. Per questo è importante annaffiarli. Tuttavia, un’irrigazione eccessiva rischia di far marcire le piante. Non tutti hanno lo stesso fabbisogno idrico. Mentre alcune piante sono affamate d’acqua, altre preferiscono l’irrigazione distanziata. Dai un’occhiata a questo consiglio dei giardinieri per sapere se la tua pianta ha bisogno di acqua.

Prima di annaffiare una pianta è importante verificare innanzitutto se ha bisogno di acqua oppure no. Ciò ti consentirà di evitare un’irrigazione eccessiva che potrebbe affogare le radici e far marcire la pianta. Per questo esiste un consiglio molto pratico che vi permetterà di innaffiare con successo le vostre piante d’appartamento.

Come fai a sapere se la pianta ha bisogno di acqua?

Piante verdi da interno

Per sapere se il terreno è asciutto o necessita di annaffiatura  è sufficiente utilizzare un bastoncino.  Prendetene uno e spingetelo per qualche centimetro nel terreno,  facendo attenzione a non toccare le radici,  quindi rimuovetelo. Se la trovi secca, significa che devi annaffiare la tua pianta. Se invece noti pezzi di terriccio attaccati al bastoncino,  significa che il terreno è ancora umido  ed è inutile annaffiarlo.

Quali sono gli altri consigli per sapere se la pianta ha bisogno di acqua

Oltre al trucco del bastoncino, esistono altri metodi efficaci per sapere se è necessario innaffiare la pianta o meno.

  • Controlla il colore del terriccio della tua pianta

Dando un’occhiata al terriccio della tua pianta, puoi facilmente riconoscere se la tua pianta ha bisogno di essere annaffiata. In effetti,  il terriccio umido è più scuro del terriccio asciutto.  Se il terreno della tua pianta è marrone chiaro, significa che è asciutto. Tieni presente che questo suggerimento è particolarmente adatto per le piante che apprezzano l’umidità  e necessitano di un terreno permanentemente umido  come le felci. Se usi questo suggerimento  per le piante grasse resistenti alla siccità  , come i cactus, rischi di innaffiarle eccessivamente. Il terreno, infatti, può sembrare asciutto in superficie, ma il fondo del vaso può essere ancora umido.  In questo caso, non avrà senso annaffiare la tua pianta succulenta.

Innaffiare una sansevieria
  • Infila il dito nel terreno della pianta

Poiché il terreno può essere asciutto in superficie ma umido in profondità, è consigliabile  infilare il dito nel terreno, fino a 4 cm di profondità.  Se il terreno è completamente asciutto, anche in profondità, annaffia la tua pianta. Tieni presente che questa tecnica è particolarmente efficace per i vasi piccoli, non molto profondi. Fai attenzione quando spingi il dito  per non danneggiare le radici. 

  • Sollevare il vaso della pianta

Se sollevando la pentola vi accorgete  che è più pesante del solito,  significa che è ancora piena d’acqua. Se è leggero significa che il terreno si è seccato e la tua pianta ha bisogno di essere annaffiata. Per i vasi più grandi,  inclinali semplicemente per stimarne il peso.

Mantenere le tue piante
  • Controlla le condizioni del fogliame della pianta

Per determinare i bisogni di una pianta è importante prestare attenzione allo stato del suo fogliame. Se noti che le foglie cadono e il fusto è secco,  significa che alla tua pianta manca acqua.  In questo caso, annaffiala leggermente,  senza essere troppo pesante,  per far ripartire la tua pianta verde.  Se invece le foglie della tua pianta sono flosce e la base del fusto comincia a diventare marrone e morbida, significa che  la pianta è stata annaffiata troppo.  In questo caso è consigliabile lasciare asciugare il substrato prima di annaffiarlo nuovamente.

Oltre a questi suggerimenti, tieni presente che l’irrigazione delle piante dipende anche dalle stagioni. Infatti, in autunno e in inverno, le annaffiature diventano meno frequenti e, per una buona ragione,  la pianta entra in un periodo di riposo vegetativo.  Quindi ha bisogno di meno acqua. Si noti inoltre che il riscaldamento asciuga l’aria interna. Per mantenere la pianta idratata, puoi nebulizzare il fogliame.

Piante da interno da bacino

Inoltre, il modo migliore per innaffiare la tua pianta è metterla in un bacino. Per fare ciò, togliete il sottovaso o il coperchio del vaso, e immergete il vaso in una bacinella piena d’acqua per qualche minuto,  per dare al terriccio il tempo di assorbire l’acqua.  Quindi svuota la bacinella e lascia scolare la pentola e far scolare l’acqua in eccesso. Tieni presente che è preferibile annaffiare le tue piante  con acqua non calcarea,  come acqua di sorgente  e a temperatura ambiente.

Con questi consigli potrai riconoscere facilmente se la tua pianta ha bisogno di annaffiature, per evitare eccessi d’acqua che porterebbero all’avvizzimento della pianta e al marciume radicale.