Press ESC to close

Come mantenere la tua palma da interno?

La palma è una pianta decorativa che ha proprietà purificanti e disinquinanti e ispira cambiamento di scenario, calma e appagamento. Di facile manutenzione, questa pianta verde è una delle piante d’appartamento più apprezzate. Con grandi foglie, le palme, questa pianta da interno porta un tocco di esotismo e verde nel nostro spazio abitativo. In questo articolo scopri i diversi tipi di palme da avere in casa e come prendertene cura.

La palma è un elemento decorativo preferito da molte persone. Ma che tu abbia o meno il pollice verde, alcuni consigli ti aiuteranno a mantenere la tua palma in perfetta salute.

Esistono diverse piante da interno che puoi scegliere per decorare la tua casa . Se si opta per una palma, ecco come mantenere sei specie ornamentali apprezzate da tutti:

La palma a cucchiaio (Licuala grandis)

La palma a cucchiaio ha fogliame a forma di ventaglio 

Originaria di Vanuatu dove il clima è tropicale, la palma cucchiaio fa parte della famiglia delle Arecaceae. Questa palma cresce generalmente nelle foreste umide. Questa pianta verde può raggiungere i tre metri di altezza nel terreno, ma solo 1 metro in vaso. Per crescere, questa palma ha bisogno di terriccio, terriccio, torba e sabbia di fiume. Le palline di argilla dovrebbero essere posizionate sul fondo della pentola. La coltivazione di questa palma in casa richiede annaffiature regolari, soprattutto durante il periodo di crescita. Inoltre, il vaso deve essere posizionato in ombra parziale. Da maggio a settembre ricordatevi di aggiungere del concime ogni due settimane all’acqua delle annaffiature. Inoltre le palme essiccate devono essere potate e seminate in primavera in una miniserra riscaldata a circa 24°.

La palma di bambù (Chamaedorea elegans)

La palma di bambù ha foglie a forma di piuma.

Nota per le sue proprietà purificanti, la palma di bambù contiene foglie verde scuro e steli eleganti. Per una crescita ottimale di questa pianta è meglio posizionare il vaso in un luogo poco illuminato poiché la pianta necessita solo di 5 ore di luce al giorno. È necessario annaffiare la palma una o due volte alla settimana per mantenere il terreno umido. Puoi anche applicare il fertilizzante una volta alla settimana.

La palma rhapis (Rhapis Excelsa)

La palma rhapis ha foglie più sottili 

Ideale in appartamento, questa piccola palma ha la particolarità di crescere piuttosto lentamente. Con le palme a forma di ventaglio, questa pianta verde non ama né il caldo eccessivo né il gelo. Per mantenerla in vaso è necessario annaffiare regolarmente la pianta con acqua non calcarea tra i mesi di marzo e ottobre. Pulisci il fogliame con un panno o una spugna per rimuovere la polvere. Durante la stagione di crescita, utilizzare fertilizzante per favorire la crescita delle piante. Se il clima è secco, parassiti e acari possono danneggiare il fogliame. Assicurati di spruzzarlo con rimedi naturali per tenerli lontani dalle tue piante.

La palma brasiliana (Lytocaryum weddellianum)

Molto decorativa, la palma brasiliana ha foglie lunghe

Originaria del sud-est del Brasile, questa palma va posizionata a mezz’ombra. Questa elegante pianta d’appartamento non sopporta le gelate invernali e prospera in un clima tropicale. Per dargli un ambiente ottimale, dovresti annaffiarlo solo due volte a settimana.

La palma Pinanga (Pinanga kuhlii)

La palma pinanga ha foglie spesse 

La palma Pinanga fa parte della famiglia delle Arecaceae. Per crescere in modo ottimale ha bisogno di un terreno fertile, umido e ben drenato. Di facile manutenzione, la pianta va posta a mezz’ombra se il clima è caldo. Inoltre, bisogna eliminare le foglie morte e annaffiare regolarmente la pianta per evitare che il terreno si secchi completamente.

La palma areca (Dypsis lutescens)

La palma areca è una delle più diffuse

Questa piccola palma del Madagascar ha conquistato il cuore degli appassionati di giardinaggio. In serra o in veranda, molte persone decidono di coltivarlo in casa. Questa pianta necessita di terreno fresco e ben drenato e di una regolare esposizione alla luce. Inoltre la pianta va annaffiata una o due volte a settimana e mantenuta asciutta in inverno. Per una buona umidità, il vaso deve essere posizionato su palline di argilla.