Press ESC to close

Come pulire le fughe nere dalle piastrelle del bagno o della cucina?

Se le piastrelle del pavimento sono piuttosto facili da pulire, lo stesso non si può dire delle fughe che con il tempo si ossidano. La loro manutenzione diventa quindi fondamentale ed è ciò che si propone di realizzare la soluzione che stiamo per condividere con voi.

È importante non solo non trascurare la manutenzione delle fughe delle piastrelle per ragioni igieniche ma anche per  evitare la formazione di crepe.  Questi possono favorire la penetrazione dell’acqua, che di conseguenza provoca il distacco delle piastrelle e questa è l’ultima cosa che vorresti vedere su un pavimento o una parete piastrellata. Per mantenere efficacemente le giunture delle piastrelle, ecco una tecnica semplice ma relativamente efficace.

Cosa fare prima di pulire le fughe

Prima di tentare di sbiancare le fughe direttamente con la candela, è opportuno pulirle preventivamente in diversi modi,  a seconda del loro grado di sporco:

Per giunti poco sporchi

Se ci sono solo piccole aree da trattare,  uno spazzolino da denti e un dentifricio usati  andranno bene. Tuttavia, dovrai procedere diversamente se prevedi di pulire un’area più ampia. In questo caso mescolate il bicarbonato con l’acqua ossigenata per ottenere una pasta da applicare direttamente sulla superficie. Lasciare agire per circa 5 minuti quindi risciacquare con acqua pulita.

Pulizia delle fughe della doccia con un vecchio spazzolino da denti – fonte: spm

Per giunti moderatamente sporchi

In caso di fughe moderatamente sporche puoi contare  sul  potere disinfettante dell’aceto bianco e sulla proprietà abrasiva del bicarbonato di sodio . Mescola 4 cucchiai di bicarbonato di sodio con 10 centimetri di aceto bianco, quindi immergi una spazzola nella soluzione risultante. Strofinare le fughe quindi risciacquare a lungo con acqua pulita prima di asciugare la superficie con un panno pulito e asciutto.

Per giunti molto sporchi

Contro le articolazioni particolarmente sporche potete utilizzare prodotti più potenti  come l’ammoniaca  , ricordandovi di proteggervi.

Per prima cosa munitevi di un paio di guanti e di una maschera  e arieggiate la casa  per evacuare i vapori del prodotto. In una ciotola diluire l’ammoniaca in 2/3 terzi di acqua. Applicare la soluzione risultante sulle fughe utilizzando un pennello prima di risciacquare con acqua pulita. Lascia asciugare e basta.

Giunti tra piastrelle – fonte: spm

Come mantenere le fughe delle piastrelle?

Bastano pochi giorni perché le fughe dei rivestimenti o dei pavimenti diventino nere dopo il lavaggio. Un problema che richiede di essere intelligenti e di avere più di un asso nella manica. Come ? Adottando questo metodo che permette di sbiancare le fughe delle piastrelle .

Per raggiungere questo obiettivo puoi contare su un prodotto che non è raro trovare in casa:  una candela bianca . La cera di quest’ultimo, infatti, creerà un’efficace protezione sulle fughe che separano le piastrelle.

Come fare ?

  1. Per cominciare pulire come di consueto le fughe, liberarle dalla polvere e lasciarle asciugare.
  2. Prendere quindi la candela bianca e strofinarne la punta contro le giunture, facendo attenzione a rimuovere lo stoppino.
  3. Si creerà una pellicola protettiva che permetterà di sbiancare le fughe ritardando la formazione eccessiva di sporco.
Candela bianca – fonte: spm

Se le piastrelle del tuo bagno sono piene di calcare e residui di sapone, allora è d’obbligo una formula a base di bicarbonato di sodio e aceto bianco. Quindi non esitate ad applicarlo in aggiunta alla tecnica sopra menzionata.

Adottare questo metodo di pulizia e manutenzione delle fughe vi eviterà di perdere ore preziose cercando di pulirle e sbiancarle a tutti i costi.