Press ESC to close

Come rimuovere l’elettricità statica dai vestiti in lavatrice?

Per preparare deliziose pietanze al forno, per tingere o lisciare i capelli, per conservare gli alimenti o avvolgere gli avanzi… Il foglio di alluminio è uno strumento essenziale in casa e i suoi usi sono molteplici. Compreso un uso poco conosciuto, ma molto giudizioso, che probabilmente non conoscevi: protegge i tuoi vestiti ogni volta che li lavi ed evita che si elettrizzino. Scopri rapidamente questo suggerimento geniale!

Quando si lavano i panni in lavatrice, infatti, viene immediatamente rilasciata una certa quantità di cariche elettriche. Ciò può danneggiare notevolmente il bucato consumando i tessuti o addirittura strappando i tessuti fragili. Questa elettricità statica può provenire dalla lavatrice stessa o dall’attrito dei vestiti durante il lavaggio. Da qui il fenomeno dell’elettrificazione dei tessuti, spesso fastidioso e antiestetico. Allora perché sarebbe utile incastonare 3 palline di foglio di alluminio nel cestello? Ti spiegheremo tutto.

Sfera in alluminio – fonte: spm

Come rimuovere l’elettricità statica dai vestiti in lavatrice?

La lavatrice è il luogo in cui si accumula la maggior quantità di elettricità statica, poiché quanto più i vestiti si sfregano l’uno contro l’altro quando sono asciutti, maggiore sarà la carica elettrica generata.

Introducendo palline di foglio di alluminio ad ogni lavaggio , noterai che assorbono tutta l’energia statica, evitando che i vestiti si danneggino o si elettrizzino.

Il metodo è molto semplice da realizzare: ti basterà inserire tre palline di foglio di alluminio, delle dimensioni di una pallina da golf, e seguire i passaggi consueti per ogni bucato, con il detersivo e il programma di lavaggio che pratichi abitualmente.

NB  : se i vestiti che state lavando tendono a consumare molta energia elettrica, è indispensabile utilizzare l’ammorbidente durante il ciclo di lavaggio, oltre ad una centrifuga breve per non aggravare il problema.

Togliere i vestiti dalla lavatrice – fonte: spm

 

Come prendersi cura del bucato?

Senti il ​​gradevole profumo del tuo bucato

Scolorimento, restringimento, infeltrimento… i tuoi vestiti non meritano questo destino! Ecco come prolungarne la durata.

Prima del primo lavaggio 

Passa attraverso la fase del bagno (molto) salato. Mettete a bagno le vostre magliette di cotone (rispettando i colori) in una bacinella di acqua fredda con 4 manciate di sale grosso.

Lavaggio, concetto base

Ordina i tuoi vestiti colore per colore per evitare che si mescolino. Scegli il programma di lavaggio a freddo o massimo 30°C. Se scegli il lavaggio a mano procedi pezzo per pezzo.

I vestiti si sono staccati?

Puoi riparare il danno usando cristalli di soda. Metti a bagno la maglietta scolorita per un giorno in 1 litro di acqua calda con una tazza di cristalli. Se la macchia è localizzata, strofinare con una pasta di bicarbonato e acqua, quindi lasciare agire prima di risciacquare.

Conserva i tessuti bianchi

Per restare bianchi devono essere protetti dalla luce che li ingiallisce. Non esitate a conservarli in scatole buie o cassetti opachi, lontano dalla luce diretta.

Conservazione dei tessuti colorati 

Per dare una sferzata di colore ai tuoi vestiti, aggiungi l’aceto bianco all’acqua dell’ultimo risciacquo. Oppure utilizzare quest’ultimo come ammorbidente.

Conserva i tessuti neri 

Insieme e al rovescio è il modo corretto di lavarli.

Aggiungere l’aceto bianco all’acqua del risciacquo per fissare il colore e non stirarli mai sul diritto per evitare di lucidarli. Per farli ritornare ad un nero intenso, bagnate i vostri vestiti scuri nell’acqua fredda di cottura degli spinaci (senza gli spinaci) prima di lavarli.

Rispettare le forme

Un maglione di lana o un tessuto di cotone non è destinato a deformarsi…

Per maglioni di lana 

Evitare la macchina. Procedere a mano in acqua tiepida con scaglie di sapone di Marsiglia. Bagnateli senza strofinarli o strizzarli e sciacquateli abbondantemente, terminando con un risciacquo con aceto bianco diluito. Asciuga i tuoi maglioni di lana in piano, tra due asciugamani di spugna.