Nel mondo culinario l’aglio è un ingrediente fondamentale di cui è difficile fare a meno. La sua coltivazione è benefica per molte piante, poiché combatte un’ampia gamma di parassiti. Non è forte la tentazione di coltivarlo in casa per averlo sempre a disposizione? Non preoccuparti, non è così complicato come potresti pensare. Scopri qui il modo più rapido per radicare l’aglio e beneficiare dei suoi benefici.

Come piantare l’aglio nell’acqua?

Oggi scopri la nostra guida per piantare l’aglio nell’acqua e beneficia di una scorta inesauribile a casa. Con il minimo sforzo e qualche risparmio in più! Vedrai, è un consiglio semplice e veloce da fare. Di cosa avrai bisogno? Un bulbo d’aglio, una bottiglia di plastica, forbici e acqua. Non hai il pollice verde? Niente panico, anche un principiante può iniziare senza problemi. Basta seguire esattamente questi 8 passaggi:

Passo 1

Prendi uno  spicchio d’aglio . Li puoi trovare facilmente nel tuo solito supermercato o nel tuo ortofrutta. Ma soprattutto assicuratevi che i bulbi siano abbastanza grandi, freschi e non troppo secchi. In questo modo puoi moltiplicarli dalle loro radici.

2° passo

Fai un taglio nella parte superiore del bulbo d’aglio. Assicurati di eseguire questa operazione con le forbici o un coltello ben disinfettato. Potrai quindi iniziare il processo di germinazione per dare vita ad una nuova pianta. Un consiglio: tagliate la parte superiore e non quella centrale, perché è quella che aiuterà a mantenere  intero l’aglio  .

Passaggio 3

Prendi una piccola bottiglia di plastica, tagliala rimuovendo il collo con uno strumento affilato e affilato. È all’interno che introdurrete il bulbo d’aglio intero, mantenendolo ben arricciato.
Metti i bulbi d'aglio in bottiglie d'acqua

Passaggio 4

Riempi la bottiglia con acqua e mettici dentro il bulbo d’aglio, con la radice rivolta verso il basso e il lato tagliato verso l’alto. È necessario assicurarsi che l’acqua della bottiglia tocchi correttamente il fondo del bulbo, in modo che le radici possano svilupparsi nelle migliori condizioni.

Attenzione

È importante conservare questa bottiglia in un’area ben illuminata esposta alla luce solare mattutina.

Passaggio 5

Questa fase è decisiva poiché riguarda lo sviluppo delle radici. Monitorate per qualche giorno l’evoluzione ed i cambiamenti che subisce il bulbo, perché è proprio in questo periodo che le radici cominciano a crescere nell’acqua della bottiglia. È quindi fondamentale controllare lo stato dell’acqua: in qualsiasi momento, se notate che sta diventando scura o torbida, valutate subito di sostituirla con acqua pulita e pura.

Passaggio 6

Con il passare dei giorni il bulbo dell’aglio comincia a crescere verso l’alto e le radici verso il basso riempiendo così l’intera bottiglia. Dovresti vedere un’abbondante crescita verde. Da lì, puoi iniziare a raccogliere le radici per le tue esigenze culinarie quotidiane.
Coltivare l'aglio in una bottiglia d'acqua

Passaggio 7

Vuoi ottenere più lampadine? In questo caso, dovrai avviare un processo di semina. Separa i bulbi e i grappoli di baccelli che vuoi piantare e prepara un vaso con un buon substrato.

Passaggio 8

Ora procedi a coltivarle come piante singole. Concretamente bisogna riempire il vaso, sperando che abbia abbastanza spazio per la loro crescita. Interrate i bulbi d’aglio, avendo cura di separarli ad una certa distanza l’uno dall’altro. È necessario annaffiarle a sufficienza (ma non eccessivamente!), e lasciarle in un luogo adatto dove ricevano abbastanza luce solare. Ed ecco qua, l’affare è nel sacco! E, una cosa è certa, non c’è niente di più soddisfacente che assaggiare un cibo coltivato da te…

Per informazioni

  • L’aglio tende a crescere molto meglio nel terreno con materia organica.
  • Lasciare la pentola con i bulbi d’aglio esposta al sole per almeno 6 ore.
  • Nota importante da ricordare: non bisogna mai lasciare seccare il terreno, mantenere sempre il substrato sufficientemente umido, ma non eccessivamente. Con il rischio di far marcire l’aglio.

Qual è il mese migliore per piantare l’aglio?

Ci sono due periodi dell’anno in cui si possono seminare le teste d’aglio: da ottobre a novembre oppure da gennaio a marzo. Il substrato o terreno dove  piantate l’aglio  deve essere leggero, questo è fondamentale, affinché sia ​​ben drenato e l’acqua non ristagni.

Quanto tempo ci vuole per coltivare l’aglio?

Ah, ci vuole un po’ di pazienza! Ci vogliono circa 8-9 mesi affinché un piccolo spicchio d’aglio piantato diventi una testa d’aglio pronta per essere raccolta.

Quando raccogliere l’aglio?

Idealmente, il momento giusto per raccogliere l’aglio dipende da diversi criteri chiave:
  • In particolare, il numero di foglie verdi sulla pianta è un indicatore affidabile. Generalmente, quando più della metà delle foglie di una pianta di aglio sono secche, la pianta è considerata matura.
  • Bisogna tenere in considerazione anche le dimensioni degli spicchi d’aglio specifici a seconda della varietà coltivata.
  • Ricorda: una giornata soleggiata, senza rischio di precipitazioni, è l’ideale per raccogliere le teste d’aglio. I bulbi raccolti vanno tenuti all’ombra o essiccati per un periodo da 7 a 10 giorni, si puliscono bene le foglie secche e si tagliano le radici (lasciandone un quarto sul bulbo).

Domande frequenti

Quando piantare l’aglio in inverno?

Ricordatevi sempre di piantare l’aglio un po’ prima del primo gelo dell’anno, ma soprattutto evitate di farlo poco prima di un grande gelo. Tieni presente che l’aglio non tollera il calore elevato, quindi è meglio considerare di piantarlo una volta che le temperature iniziano a raffreddarsi gradualmente. Nella maggior parte dei casi, idealmente, il periodo migliore in inverno è tra settembre e novembre.

Quando puoi seminare l’aglio?

La buona notizia è che questa pianta richiede poca umidità e la sua manutenzione è abbastanza semplice. Esistono due stagioni ideali per la semina: da ottobre a novembre e da gennaio a marzo. Mentre procedi vedrai crescere le foglie. Che dire del famoso calendario lunare? Secondo alcune credenze, la luna crescente o calante ha un certo impatto sulla coltivazione delle piante. Si dice che la semina vada sempre fatta quando la luna è calante e che il momento migliore per raccogliere è quello crescente. Ciò sarebbe quindi più favorevole a rendere le vostre piante più forti, piene di vitalità e resistenti alle malattie. È quindi meglio piantare l’aglio in luna calante per beneficiare di una migliore qualità. Il clima invece non è molto importante nonostante sia una pianta secca. Ma, d’altro canto, se fa più freddo, l’aglio risulterà più piccante e quindi più saporito.

Quali sono le condizioni di irrigazione?

Quando si pianta l’aglio in inverno, spesso le annaffiature diventano superflue, in quanto la stagione fredda mantiene naturalmente una buona umidità ed è generalmente caratterizzata da abbondanti precipitazioni. Tuttavia, durante gli inverni o le primavere molto secchi, è comunque consigliabile annaffiarla un po’, a seconda della gravità della siccità. È sempre bene inumidire il terreno, ma non dovresti nemmeno esagerare con l’acqua, perché il bulbo potrebbe marcire. Per il resto non c’è motivo di preoccuparsi. Uno dei vantaggi di questa pianta è la resistenza ai parassiti e alle malattie, anche se talvolta alcune larve possono attaccare il bulbo. Per evitare questo tipo di delusioni, l’ideale sarebbe effettuare trattamenti preventivi a partire da metà aprile (o anche fine mese), quando le temperature si addolciscono e l’umidità si intensifica.