Press ESC to close

Come si coltiva un avocado in qualsiasi parte del mondo?

Fonte inesauribile di antiossidanti, acidi grassi essenziali e vitamina E, l’avocado è un frutto/verdura ricco di benefici che delizia le nostre papille gustative indipendentemente dalla sua preparazione. Cremoso e tenero al palato, è difficile resistere al suo sapore unico ed esotico, sia che lo si gusti in insalata, guacamole o bruschette. Che ne dici di averlo nel piatto? Perché sì, dal piccolo seme al frutto verde, è possibile coltivarlo in casa. Ma, affinché il tuo albero di avocado prosperi correttamente, deve essere curato brillantemente. Segui i nostri consigli e non dovrai più acquistarli!

È tutto nel nocciolo dell’avocado!

Un avvocato

Esistono diversi modi per far germinare i semi di avocado. Ma la cosa più importante è ancora selezionare l’avocado giusto! Per scegliere un seme che si adatti perfettamente, devi concentrarti sulle sue dimensioni. Un  nocciolo  di avocado delle dimensioni di una noce è il minimo consigliato per la semina.

Estrarre con cautela il nocciolo

Quindi, come ti assicuri di ottenere il miglior risultato quando pianti questo seme? Dite a voi stessi che il momento migliore per ottenere un nocciolo ideale è quando l’avocado è maturo, quando è abbastanza maturo e morbido. E questa è una buona cosa, dato che è il momento in cui puoi godertelo! Ma, attenzione, l’estrazione non è un compito facile: fate molta attenzione quando rimuovete il seme per non danneggiarlo. Le persone tendono ad estrarlo con un coltello, ma poiché è fragile, questo metodo non è sempre consigliabile. O almeno, azionare le cose in modo molto delicato per evitare danni.

Come si fa germinare il nocciolo?

Piantare un avocado a casa

La fase di preparazione deve essere eseguita con attenzione. Una volta rilasciato il nocciolo, lavatelo meticolosamente per eliminare ogni traccia di polpa dal frutto, noterete che una buccia marrone lo ricopre. Sii paziente e lascialo asciugare per qualche giorno.

Usa gli stuzzicadenti

Quando arriva il momento di piantare il nocciolo dell’avocado in acqua, è necessario spingere tre stuzzicadenti orizzontalmente nella parte più spessa in modo che possano attaccarlo al bicchiere. Svolgeranno così il ruolo di supporto che permetterà alla base del seme di essere ben immersa, mentre il resto apparirà all’esterno.

Processo di germinazione

Se invece scegli l’opzione di piantare direttamente nel terreno, tieni presente che questo metodo sarà più lento e richiederà una certa quantità di cure. Prima di tutto, immergere il seme in acqua calda per mezz’ora, in modo da ammorbidire l’esterno del nocciolo e facilitare così la crescita delle future radici.

Come funziona il trapianto in vaso?

Fai molta attenzione, perché anche se ci vorranno fino a tre settimane per notare cambiamenti visibili, l’acqua evapora rapidamente, mentre il nucleo dovrebbe essere sempre a contatto con essa. Se tutto va bene, si dividerà, segnalando che la radice si sta sviluppando correttamente. Anche il fusto comincerà ad emergere. Se noti che l’acqua sta diventando molto scura o appiccicosa, sostituiscila, ma non bagnare la radice. Una volta che compaiono le prime foglie, è un segno che è il momento di passare al trapianto in un vaso con terriccio. Vuoi assicurarti che il tuo albero di avocado rimanga umido, ma non impregnato d’acqua.

Preparazione del vaso di avocado e del terriccio

  1. Riempi un vaso non più grande di un gallone con terriccio ben drenante.
  2. Scava una piccola buca e seppellisci il seme appena sotto la superficie del terreno (punta verso l’alto), lasciando circa mezzo pollice dell’altezza del seme sopra la linea del suolo.
  3. Annaffia generosamente e posiziona il vaso in un luogo caldo e luminoso a circa 20°C. Assicurati di tenerlo lontano dalle correnti d’aria!

Cure iniziali dopo il trapianto

Ok, ora mettiamoci al lavoro! Affinché il tuo albero di avocado finisca per prosperare correttamente e produrre buoni frutti, dovrai mantenerlo come merita fornendogli tutte le condizioni ideali in termini di terreno, acqua, luce e fertilizzazione.

Luminosità

Per prosperare, gli alberi di avocado hanno bisogno di molta luce solare, dovrebbero ricevere almeno dalle quattro alle sei ore al giorno. Pertanto, se la tua sta crescendo all’interno della casa, assicurati di trovare un punto adatto che tragga beneficio da una luce indiretta brillante.

Terra

La tua pianta preferisce un terreno ricco, argilloso e ben drenato. È importante che il terreno non trattenga l’acqua in eccesso e sia adeguatamente aerato. Se stai coltivando l’albero all’aperto, assicurati di testare il terreno prima di piantarlo. Il pH ideale del terreno per un albero di avocado è compreso tra 5 e 7.

Annaffiatura

Tieni presente che il tuo albero di avocado dovrebbe essere annaffiato frequentemente e accuratamente. Ma assicurati di dare al terreno la possibilità di asciugarsi un po’ tra un’annaffiatura e l’altra. Naturalmente, durante i mesi estivi, durante le ondate di calore, sarà necessario aumentare un po’ di più le annaffiature, soprattutto per gli alberi giovani.

Fertilizzante

Si sconsiglia di utilizzare  fertilizzanti sull’albero di avocado per il primo anno. Trascorso questo tempo, puoi applicare un fertilizzante bilanciato per agrumi o un fertilizzante appositamente studiato per gli alberi di avocado, assicurandoti che sia per lo più ricco di azoto.

Possibilità di trapianto all’aperto

Ecco i fattori da considerare quando coltivi il tuo albero di avocado fuori casa.

Considerazioni sul clima

Inizia trovando un’area del tuo giardino che riceva circa otto ore di luce solare al giorno e che abbia un terreno ben drenato, ma anche arioso.

Fase di trapianto all’aperto

  1. Scava una buca nel terreno abbastanza profonda e un po’ larga.
  2. Aggiungi un po’ di compost e installa il nucleo nel buco.
  3. Riempi il terreno intorno al nucleo con un po’ di terra, premendo il terreno man mano che procedi.
  4. Innaffia generosamente il terreno.

Consigli per la coltivazione all’aperto

Essendo una pianta esotica, l’albero di avocado è abbastanza flessibile quando si tratta di temperatura. Può prosperare nelle zone di rusticità dei climi tropicali e subtropicali e può sopravvivere a temperature comprese tra -4° e 40°C. Ma, idealmente, questa pianta dà il meglio di sé tra i 15 e i 25°C. Inoltre, se vivi in un clima freddo con un inverno davvero rigido, è meglio coltivarla in una fioriera da interno.

Problemi comuni da considerare con gli alberi di avocado

L’irrigazione eccessiva, la troppa luce solare, le carenze di minerali o la presenza di parassiti sono tutti problemi comuni che possono influire sulla salute e sull’aspetto del tuo albero di avocado.

Marciume radicale

Sebbene gli alberi di avocado amino l’acqua, purtroppo possono cadere vittime del marciume radicale. Se noti che le foglie iniziano a ingiallire, è un segno che l’assunzione di acqua è eccessiva, nel qual caso dovrai regolare il tuo programma di idratazione. Inoltre, per evitare che le radici marciscano prematuramente, sarebbe più saggio drenare maggiormente il terriccio.

Foglie bruciate

Attenzione anche alle scottature! Sebbene gli alberi di avocado amino la luce intensa, le loro foglie possono diventare marroni e alla fine bruciare. Se osservi questo colore brunastro, dimostra che il tuo albero è troppo caldo, quindi sarebbe più saggio spostarlo in un luogo più fresco e meno soleggiato.

Carenza di minerali

A volte, gli alberi di avocado possono mancare di alcuni tipi di minerali. Proprio come l’irrigazione eccessiva, un problema di fertilizzazione è solitamente un sintomo di foglie gialle. È quindi importante concimare regolarmente la pianta, circa una volta al mese, per evitare questa carenza.

Parassiti

Infine, come puoi immaginare, come per qualsiasi altra pianta, i parassiti non sono da meno. Alcuni parassiti, come acari e bruchi, amano aggirarsi vicino agli alberi di avocado. Non trascurare questo problema: prendi misure rapide e drastiche per sbarazzarti di questi parassiti prima che sfuggano di mano. Certamente, l’albero di avocado è un albero forte e resistente che può resistere a varie condizioni difficili, purché malattie e parassiti vengano rapidamente eliminati.

Domande frequenti

Quanto tempo ci vuole per coltivare l’avocado?

Ah, dovrai essere molto paziente! Perché, quando si parte da zero, dal piccolo seme, bisogna sapere che l’avocado può impiegare dai 5 ai 10 anni per maturare. Nel caso di giovani alberi coltivati per innesto (un processo spesso utilizzato per produrre più frutti), di solito ci vogliono circa 4 anni per poter raccogliere i primi avocado.

Quando piantare e mettere il nocciolo dell’avocado nel terreno?

La primavera è ancora il momento perfetto per far germogliare correttamente il seme e per avere il proprio albero di avocado a casa.