Press ESC to close

Ecco come coltivare la curcuma per averne infinite quantità in casa

La curcuma è un ingrediente ricorrente nella cucina asiatica. Questa bellissima spezia dal colore giallo brillante esalta i tuoi curry e stufati ed è molto facile da coltivare in casa. In questo articolo condividiamo con voi il metodo per coltivare la curcuma in casa.

Se pensi che la curcuma sia uno di quegli ingredienti che non è facile coltivare in casa, ripensaci. Infatti,  come lo zenzero che si coltiva dal suo rizoma , la curcuma può essere facilmente coltivata in giardino  o semplicemente sul balcone.

Raccolta rizomi di curcuma – fonte: spm

Caratteristiche della curcuma

Sebbene il termine “curcuma” sia utilizzato principalmente in cucina, in origine è il nome dato alla pianta tropicale da cui proviene. Originario del Sud Est Asiatico e dell’India, fa parte della famiglia delle Zingiberaceae ed  è l’origine della famosa spezia che tutti conosciamo.  È conosciuto anche con il nome di zafferano indiano.

Condizioni per piantare la curcuma

Per mettere a dimora questa pianta erbacea perenne sarà necessario soddisfare alcune condizioni: terreno ricco, drenante e fresco nonché esposizione in una zona abbastanza soleggiata ma lontana dal vento. Si sconsiglia tuttavia  l’esposizione in pieno sole.

Il periodo di semina della curcuma è tra febbraio e maggio mentre il periodo di fioritura inizia da giugno e termina a settembre. Puoi coltivarlo in un vaso  con terreno sabbioso o in piena terra. Per quanto riguarda le infiorescenze, cominciano a comparire dopo tre anni.

Se vuoi coltivare piante che non necessitano della luce solare per crescere, ecco una selezione di 10 piante da interno.

Rizomi di curcuma – fonte: spm

Curcuma in crescita

Per mantenere e coltivare al meglio questa pianta perenne, ecco le condizioni che dovrai rispettare:

  • È necessario prestare attenzione per garantire che il supporto sia sufficientemente inumidito. Non appena pensi che la pianta abbia bisogno di annaffiare, spruzza le sue foglie con acqua piovana.
  • Dall’inizio della primavera, assicurati di cambiare il terriccio se coltivi la pianta in vaso.
  • Aggiungi fertilizzante liquido ogni mese durante il periodo di fioritura. La pianta richiede fosforo.
  • Non appena noti steli secchi e foglie morte, rimuovili.

Per quanto riguarda la moltiplicazione della curcuma,  essa può essere effettuata nel periodo primaverile.  Per fare questo bisogna dividere il rizoma che deve avere una o più gemme.

Curcuma – fonte: spm

Raccolta della curcuma

Una volta che le foglie diventano secche, può iniziare la raccolta della curcuma. Per estrarre la spezia, iniziate facendo bollire i rizomi per ammorbidirne la buccia. Togliete delicatamente quest’ultimo e poi ponete i rizomi in un contenitore che esporrete al sole. Sarà quindi più semplice macinarli una volta asciutti.

Quali sono gli altri usi della curcuma?

Oltre all’uso culinario, la curcuma può essere utilizzata anche come pianta ornamentale o addirittura sfruttata per le sue proprietà aromatiche. È anche un antinfiammatorio naturale che ha anche proprietà digestive, antiossidanti e molti altri benefici per la salute.

Parassiti e malattie

Talvolta il fogliame può essere soggetto a morsi di ragno rosso. Per evitare ciò, puoi  spruzzare uno spray pieno di letame di ortica fermentato.

Evitate anche di annegare la pianta, in questo caso il rizoma rischia di marcire. In questo caso, assicuratevi semplicemente di evitare questo inconveniente  disponendo di un terreno drenante.