Lavare i piatti non è un compito così semplice come pensi. Infatti, se fatti male, i piatti rimangono sporchi e macchiati. Inoltre, alcuni errori comuni che commettiamo quando laviamo i piatti possono favorire la proliferazione di batteri e germi o addirittura portare a una contaminazione incrociata. Scopri questi errori di lavaggio che non dovresti mai commettere.

Per garantire una buona igiene delle stoviglie ed evitare batteri e germi, è importante evitare alcuni errori comuni.

Quali errori dovresti evitare mentre lavi i piatti?

Ecco i 6 errori comuni da evitare quando si lavano i piatti.

  1. Non rimuovere i residui prima di lavare i piatti

Prima di lavare le stoviglie è importante gettare i residui di cibo e i detriti nella spazzatura  per evitare l’intasamento delle tubature,  ma anche per evitare la formazione di odori sgradevoli. Evitare inoltre di versare il grasso nel lavandino. Quando fa caldo, infatti, scorre facilmente nel sifone, ma quando passa con il freddo si indurisce e diventa così un intasamento che ostruisce il tubo. Per questo motivo è consigliabile  assorbire il grasso dalle stoviglie con carta assorbente  prima di lavarle. Dopo aver rimosso grasso e residui di cibo, ricordati di immergere i piatti e le stoviglie in acqua calda prima di strofinarli. Questo ti permetterà di pulirli più facilmente. Anche se si utilizza la lavastoviglie, si consiglia di sciacquare stoviglie e utensili in acqua pulita prima di inserirli nell’elettrodomestico, in modo da  rimuovere i residui prima che si asciughino  e facilitare così il lavaggio.

Lavare i piatti - fonte: spm

 

  1. Non pulire il lavandino prima di lavare i piatti

Il lavello della cucina è infetto da germi che si accumulano dopo aver lavato piatti e stoviglie. Ecco perché prima di lavare i piatti è importante disinfettare il lavello. Per questo puoi usare aceto bianco o bicarbonato di sodio. Dopo aver finito di lavare i piatti, ricordati di pulire il lavandino e rimuovere l’acqua stagnante per  evitare l’ambiente umido che favorisce la crescita dei batteri.  

  1. Metti tutti i piatti nel lavandino mentre lavi i piatti
Lavello completo - fonte: spm

 

Avere il lavello pieno ostacola la corretta pulizia dei piatti, ma  rende anche complicato questo compito.  Infatti, se mescoli padelle o pentole unte con altri piatti, rischi di trovare grasso ovunque. Ciò renderà la pulizia più noiosa. È meglio  lavare gli utensili in base al livello di sporco.  Inizia con i piatti meno sporchi e finisci con quelli più macchiati. Questo  ti aiuterà a evitare la contaminazione incrociata  con altri piatti. Per contaminazione crociata si intende la trasmissione di batteri da un alimento a un altro, attraverso le mani, gli utensili o il piano di lavoro. La contaminazione incrociata può portare a infezioni alimentari. Da qui l’importanza di garantire la pulizia dei vostri piatti.

  1. Overdose di detersivo per piatti

Tendiamo a credere che l’utilizzo di una grande quantità di detersivo per piatti consenta una pulizia più efficace. Tuttavia, questa convinzione è falsa. L’uso eccessivo di detersivo per piatti, infatti,  può lasciare residui invisibili ad occhio nudo  sui piatti e sui piatti. Se si utilizza una lavastoviglie, si consiglia di aggiungere un addolcitore dell’acqua. Il calcare dell’acqua dura, infatti, macchia bicchieri e coperchi, incrosta la lavastoviglie e la danneggia. Per non parlare del fatto che può anche portare a un consumo energetico eccessivo. Per risparmiare energia, ricordati anche di controllare l’etichetta energetica della lavastoviglie prima di acquistarla.  Scegli quello contrassegnato con A,  il che significa che non consuma energia.

  1. Non cambiare la spugna utilizzata per lavare i piatti
Spugna per lavare i piatti - fonte: spm

 

La spugna utilizzata per lavare i piatti è un vero e proprio terreno fertile per i batteri. L’umidità in esso contenuta, infatti, favorisce lo sviluppo di microbi e batteri. Per evitare di infettare le vostre stoviglie, e quindi anche il vostro cibo, è importante garantire una buona igiene della vostra spugna. Per fare questo, lascia asciugare la spugna  non appena finisci di lavare i piatti.  Ricordatevi inoltre  di disinfettarlo e cambiarlo regolarmente.  Per eliminare i batteri dalla spugna, puoi immergerla per 5 minuti nell’aceto bianco. Puoi anche, dopo averlo scolato dall’acqua dell’aceto, metterlo nel microonde per 60 secondi per disinfettarlo.

  1. Non asciugare i piatti prima di riporli

È importante asciugare accuratamente gli utensili e i piatti puliti prima di riporli. Questo ti aiuterà a evitare funghi e cattivi odori che si sviluppano a causa dell’umidità. Per fare ciò, ricordatevi  di utilizzare un panno pulito e asciutto  e di cambiarlo regolarmente.

Evitando questi errori garantirai una buona igiene delle tue stoviglie ed eliminerai efficacemente batteri e germi.