Errori comuni quando si piantano i peperoni che possono costare il raccolto

Nel post di oggi parlerò degli errori più comuni quando si piantano i peperoni che potrebbero influire in modo significativo sulle loro prestazioni e delle condizioni che generalmente i peperoni non amano. Questo articolo è stato ispirato da una richiesta della mia abbonata, Elena.

I peperoni germinano molto lentamente e talvolta non germinano affatto. Il processo dalla semina alla comparsa dei primi germogli dura solitamente dai 10 ai 14 giorni, anche se questo può variare a seconda della qualità del seme e alcuni semi impiegano anche più tempo per germogliare.

Ho delle tecniche per trattare i semi particolarmente ostinati per favorire una germinazione più rapida, che condividerò con te.

Ecco perché i semi di pepe potrebbero non germogliare:

  1. Semi vecchi o di scarsa qualità: acquista sempre semi da fornitori affidabili e controlla le date di scadenza. Se raccogli i tuoi semi, scegli solo piante sane e conservale in sacchetti di carta perforati per ventilarle. (Questo è il mio metodo preferito).
  2. Selezione errata dei semi – Assicurati di selezionare i semi giusti per le tue condizioni di crescita.
  3. Terreno inadatto: i peperoni prosperano in terreni leggeri, sciolti e traspiranti. Io uso una miscela di 10 parti di torba alta, 1 parte di vermicompost e 1 parte di perlite, con un po’ di sabbia di fiume. Questa miscela ha funzionato bene per me nel corso degli anni.

Evita di usare il terreno del giardino perché di solito è troppo pesante e può impedire la germinazione.

Errori che possono rovinare il tuo raccolto di peperoni

  1. Tempo di semina errato: i tempi di semina variano a seconda della varietà di pepe. Ad esempio, le varietà a forma di cubo possono impiegare dai 140 ai 150 giorni per maturare, mentre le varietà coniche impiegano dai 100 ai 110 giorni. Inizio a seminare a febbraio perché mi trovo nella regione del medio Volga; le regioni meridionali potrebbero iniziare prima.
  2. Concimare le piantine troppo presto: le piantine appena germinate generalmente non hanno bisogno di nutrienti aggiuntivi, poiché possono estrarre ciò di cui hanno bisogno dal seme e dal terreno. Attendere almeno due settimane dopo il trapianto o finché non compaiono 2 o 4 foglie vere prima di nutrirle.
  3. Contaminazione incrociata: non piantare mai peperoni piccanti e dolci insieme, poiché le varietà dolci possono finire per avere un sapore piccante.
  4. Profondità di semina errata: seminare ad una profondità compresa tra 0,5 e 1 centimetro. I semi troppo superficiali potrebbero seccarsi e non germogliare, mentre quelli troppo profondi potrebbero non emergere affatto.
  5. Irrigazione eccessiva: dopo la semina, evitare l’irrigazione eccessiva poiché il terreno fradicio può ridurre la disponibilità di ossigeno e diminuire i tassi di germinazione. L’umidità eccessiva può anche portare alla putrefazione dei semi e a malattie fungine come l’avvizzimento.
  6. Ventilazione e controllo della temperatura: se copri i semi, ricordati di ventilarli periodicamente per evitare la formazione di condensa. Mantenere una temperatura di germinazione compresa tra 25 e 27 gradi Celsius. Temperature più basse possono ritardare la germinazione.

Se le piantine diventano lunghe, cosa rara, puoi seppellirle fino alle foglie del cotiledone durante il trapianto, purché lo stelo non si sia indurito. Ciò può incoraggiare radici più forti.

Illuminazione: anche se presumo che tu sia consapevole dell’importanza di una buona illuminazione, aggiungere un’illuminazione supplementare può essere utile, se possibile.

La germinazione anticipata dei semi può essere vantaggiosa in quanto consente di identificare precocemente i semi vitali, risparmiando spazio e fatica.

Evitando questi errori comuni, puoi aumentare le tue possibilità di coltivare piantine sane e ottenere un abbondante raccolto di peperoni. Non dimenticare di iscriverti per ulteriori suggerimenti e trucchi sul giardinaggio. Buona fortuna con le tue piantine e i tuoi prossimi progetti di giardinaggio!