Chi non ha mai desiderato lavare velocemente posate e utensili? La lavastoviglie è arrivata e ha soddisfatto questa esigenza! Anche se questo dispositivo ci offre numerosi vantaggi, dobbiamo anche assicurarci di usarlo con saggezza per risparmiare denaro. E questo richiede una manutenzione regolare! Ma anche quando si tratta di prendersene cura, è meglio non abusare dei prodotti da utilizzare. In questo articolo condividiamo con voi alcuni consigli per consumare meno acqua ed elettricità.

1. Controllare la quantità di detersivo

Il metodo che ti proponiamo è un consiglio che puoi utilizzare per far durare di più la tua lavastoviglie rimanendo sempre pulita. Si basa su un principio semplice. Con un bicchiere sarai costretto a limitarti ad una certa quantità di prodotto per la pulizia della lavastoviglie per evitare sprechi. Risparmi sulla quantità di prodotto utilizzato e ottieni stoviglie pulite e profumate. Due piccioni con una fava !

2. Pulisci regolarmente la lavastoviglie

  • Acido citrico

Pulire la lavastoviglie con un anticalcare naturale come l’acido citrico è più economico e questo dettaglio dovrebbe bastare a convincerti! Inoltre è una soluzione che non ha nulla da invidiare ai detersivi chimici oltre ad essere naturale al 100%.

Come fare ?

Per utilizzarlo è sufficiente versare una tazzina da caffè di acido citrico nello scomparto del detersivo. Questo è sufficiente per eliminare il calcare dalla lavastoviglie. Si consiglia inoltre di ripetere l’operazione una volta al mese. Vedrai, il tuo dispositivo ti ringrazierà per questo. È ora di prendersene cura!

E non è tutto! L’acido citrico è efficace anche per pulire a fondo la lavatrice.

  • Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è popolare per molte ragioni ed è giusto che sia così! È un perfetto sostituto dei detersivi chimici. Solo quello ! Inoltre, è la sua versatilità ad attrarre grazie in particolare al suo potere disincrostante, sgrassante e pulente. Non parliamo nemmeno della sua capacità di deodorare il tuo dispositivo! È quindi un alleato d’elezione per sgrassare diverse superfici e molto altro ancora!

Per utilizzarlo a beneficio della lavastoviglie, versane una tazza di caffè all’interno dell’elettrodomestico vuoto. Dopo il ciclo di lavaggio, asciugare l’elettrodomestico all’aria lasciando la porta aperta per alcuni minuti. Ancora una volta, si consiglia di farlo una volta al mese.

3. Impostare la lavastoviglie alla temperatura di lavaggio corretta

Eseguire una regolazione ponderata del livello di temperatura dell’acqua. Una temperatura di 55°C è un buon compromesso, perché ha un consumo energetico abbastanza basso, ma sufficientemente elevato da eliminare germi e batteri.

4. Scegli il programma di lavaggio giusto

È meglio scegliere un ciclo di lavaggio adatto al tuo dispositivo. Utilizzare il corretto programma di lavaggio permette di ottimizzare al meglio il funzionamento della lavastoviglie e di ridurne i consumi.

5. Utilizzare la modalità Eco

Sempre per motivi di economia, non ha senso lesinare sulle risorse. Se la tua lavastoviglie è dotata di modalità eco, questa è un’altra opportunità per ridurre il consumo di acqua ed energia. Si tratta di una modalità che, senza incidere sulla qualità del lavaggio, permette di ridurre la temperatura di lavaggio, riducendo notevolmente il consumo energetico. Sebbene questa modalità richieda ancora più tempo, è ideale per l’uso quotidiano del dispositivo. È ora di godertelo!

6. Sciacquare i piatti prima del lavaggio in lavatrice

Un dispositivo pulito significa che non dovrai affrontare malfunzionamenti che finiscono per costarti caro. Non dovrai lavare i piatti a mano quando rimangono sporchi a causa di un elettrodomestico mal tenuto.

Usare la lavastoviglie con più attenzione e cura, applicando i giusti accorgimenti economici, è la strada sicura per un consumo più intelligente del tuo elettrodomestico. Addio alle bollette salate!