Per godersi una bella giornata di sole, non c’è niente di meglio che condividere un buon barbecue con gli amici, fare un picnic con la famiglia o semplicemente rilassarsi su una sdraio davanti alla piscina sorseggiando un gustoso cocktail alla mano. Ma secondo te chi rompe spesso l’atmosfera? La vespa ovviamente. E in più non viene mai da sola. A volte un intero sciame si invita nei tuoi momenti di gioia. Con il loro inquietante ronzio, non appena questi insetti volanti ti volteggiano intorno, tutti iniziano a saltare. E per una buona ragione, essere punti non è mai divertente, è addirittura doloroso. Per non parlare del rossore e del prurito che persistono. Ebbene una cosa è certa, se le vespe vagano continuamente è perché il nido di vespe non è poi così lontano. Dovrai distruggerlo se vuoi sbarazzarti di queste persone indesiderate…

Che aspetto ha un nido di vespe?

Un nido di vespe
Naturalmente, i nidi di vespe variano a seconda della specie che li realizza. Ad esempio, le vespe sociali (di comunità) tendono a nidificare fuori terra, mentre le vespe solitarie nidificano principalmente sottoterra. In genere i nidi fuori terra hanno le stesse caratteristiche: sono di colore grigio o beige chiaro, di forma rotonda o sferica (spesso a forma di favo aperto), hanno almeno un foro di entrata/uscita, sono realizzati in fango o una sostanza simile alla carta. Per quanto riguarda i nidi sotterranei, si presentano sotto forma di pettine sotto terra e vi è un solo foro visibile attraverso il quale la vespa entra ed esce.

Nido di vespe: precauzioni da adottare

La chiave per combattere l’invasione delle vespe è soprattutto trovare i loro nidi. Da lì si potrà trattare il problema di conseguenza, ma soprattutto adottando un certo numero di precauzioni. Per la tua sicurezza, ci sono errori da evitare. Ecco quindi cosa fare e cosa non fare.
  • Indossare indumenti protettivi
Se intendi sbarazzarti tu stesso di un nido di vespe, devi armarti di conseguenza. E questo inizia con indumenti protettivi adeguati. L’idea è soprattutto quella di coprire le zone più sensibili come viso e collo. Tanto vale avvertirti: le punture in queste parti del corpo sono le più dolorose!
  • Avere un piano di riserva
Non attaccare le vespe in modo casuale. È fondamentale avere un piano ben congegnato e soprattutto avere una via di fuga rapida nel caso in cui le cose andassero male. Perché è probabile che le vespe si vendichino attaccandoti.  Quindi, trova rapidamente un modo per scappare per tornare a casa, ad esempio.
  • Preparare un kit di pronto soccorso
Se, nonostante tutto, una vespa finisce per aggirare le vostre attente precauzioni e vi punge, è meglio aspettarsi questo scenario e avere a portata di mano l’attrezzatura per la cura. Un consiglio però: osserva attentamente la progressione del morso per almeno 24 ore per assicurarti di non essere vittima di una reazione allergica.

Nido di vespe: cose da non fare

  • Non salire su una scala
Anche se è allettante, non avventurarti verso i nidi che sono fuori dalla tua portata. Non correre il rischio di salire su una scala. Perché se questi feroci insetti ti attaccano, non solo diventerai un bersaglio vulnerabile, ma potresti anche cadere e ferirti gravemente. È meglio restare cauti e lasciare i nidi inaccessibili agli sterminatori professionisti.
  • Tenere lontani animali domestici, bambini e anziani
Quando individui un nido di vespe e inizi il processo di rimozione, assicurati soprattutto che non ci siano bambini o animali domestici nelle vicinanze. Non solo devono essere protetti da possibili attacchi, ma anche da prodotti tossici se li utilizzi. E una volta finito il lavoro, butta via il nido e sbarazzati subito delle vespe morte per evitare che i tuoi animali domestici si avvicinino.
  • Evitare di illuminare l’area
Quando rimuovi un nido di vespe di notte, non utilizzare una normale torcia, questo è il modo migliore per avvisarle della tua presenza. Opta invece per la luce di colore rosso o pianifica il tuo attacco molto presto al mattino, poco prima dell’alba.

Step 1: proteggersi prima di intervenire

Distruggere un nido di vespe 
Non lo diremo mai abbastanza: sterminare un nido di vespe è una missione pericolosa. Ciò richiede molta cautela e vigilanza. Senza prendere le precauzioni necessarie, rischi di diventare un facile bersaglio per questi insetti volanti e di essere morso senza troppe cerimonie. Per prevenire il peggio bisogna assolutamente proteggersi dalla testa ai piedi! A differenza delle api, le vespe possono pungerti ripetutamente e iniettare più veleno. Bisogna quindi fare attenzione in loro presenza! Ecco gli indumenti da indossare durante la procedura.
  • Veli: Il velo sul viso è un elemento fondamentale per questa missione. Questo perché quando le api e le vespe attaccano, vanno dritte verso il viso. Questa è la zona più vulnerabile, ma anche la più dolorosa una volta punto. Inoltre, noterete spesso che se alcuni apicoltori rinunciano a indossare tuta o guanti, non fanno mai a meno del velo.
  • Abbigliamento: dovresti sempre optare per un abito che copra gran parte del tuo corpo, dalla testa ai piedi. La giacca ti copre dal collo ai polsi. Va abbinato a jeans o altri pantaloni in tessuto abbastanza pesante. Optare per indumenti di cotone (o misti a poliestere) che siano molto spessi in modo che le punture non possano penetrare facilmente. Nei mesi caldi, la tuta può essere realizzata in poliestere/vinile per far circolare meglio l’aria ed evitare il soffocamento all’interno.

Attenzione

Ma attenzione, assicuratevi sempre di coprire bene le seguenti zone: collo, polsi, caviglie e vita. Questi insetti volanti non si arrendono mai e stanno attenti al minimo foro in cui scivolare! Quindi, sii molto vigile e sii ancora più astuto fissando gli spazi con velcro, elastici o addirittura nastro adesivo. Inoltre, alcuni abiti e giacche sono addirittura dotati di fori per i pollici, per evitare, ad esempio, che le maniche si sollevino. Infine, assicurati che le cerniere siano di ottima qualità. Devono essere perfettamente solidi per reggere meglio: gli scivoli in metallo sono particolarmente indicati, ma se avete un budget limitato possono andare bene anche quelli in plastica.
  • Guanti: siamo d’accordo, devi assolutamente proteggere le tue mani. Dopotutto, sono loro che faranno tutto il lavoro! E per una buona ragione saranno in contatto diretto con queste creature. Pertanto è fondamentale l’uso dei guanti. Anche se, come vedrai, sarà una bella sfida. Perché, anche se i guanti spessi ti proteggeranno dai morsi, allo stesso tempo ti impediranno di agire liberamente e abilmente nel tuo compito. Tanto che molti apicoltori preferiscono non indossarne del tutto per gestire meglio i nidi. Ma se sei nuovo in questo argomento, ti consigliamo vivamente di indossarlo quando sei in prossimità di questi insetti. Esistono diversi materiali, pelle di vacchetta, pelle di capra o nitrile.
  • Boots: Beh, è ​​vero, le api e le vespe di solito non attaccano i piedi. Ma non si sa mai, come si suol dire, prevenire è meglio che curare! Come bonus aggiuntivo, non è necessario cercare stivali speciali. Andranno bene molti stili, purché le scarpe siano spesse e robuste. Assicurati solo di infilare il fondo dei pantaloni all’interno degli stivali in modo che le vespe non possano trovare la strada.

Fase 2: consigli per eliminare un nido di vespe

Ora che sai con chi hai a che fare e hai il costume adatto per proteggerti, è il momento di agire! Fortunatamente, ci sono diversi modi per sbarazzarsi di questi parassiti indesiderati. Eccone alcuni:
  • Repellenti naturali
Stai cercando un repellente per vespe? Iniziamo con questi mezzi naturali. Se segui questi passaggi alla lettera, troverai la pace!
  • Rompi il nido
Molte persone usano la forza bruta per sbarazzarsi direttamente di un nido di vespe, ma ciò non è privo di pericolo. Poiché sei in stretto contatto, rischi una possibile invasione. Quindi meglio usare certi sotterfugi prima di liberarsi!
  • Olio essenziale di menta piperita
Si scopre che le vespe non sopportano l’odore dell’olio essenziale di menta piperita. Allora perché non approfittarne per cacciarli dal nido? Preparare la seguente soluzione: 1 cucchiaio di olio essenziale di menta piperita mescolato con acqua (4 tazze). Versare questo liquido in un flacone spray e spruzzare direttamente sul nido di vespe. Il contatto diretto elimina le vespe in tutti i loro cicli vitali. Questo olio è facilmente reperibile. Ti consigliamo di spruzzare questa soluzione almeno una volta alla settimana durante la stagione delle vespe (generalmente dall’estate all’autunno), in tutte le zone più frequentate.

Per informazioni

La maggior parte dei rimedi casalinghi a base di menta piperita sarà utile per tenere lontane le vespe dai loro nidi, poiché l’odore persistente alla fine le spaventerà. Come bonus, il tuo giardino profumerà di menta fresca.
  • Fai esplodere il nido con l’acqua
Innaffiare il nido con un tubo da giardino remoto è un’altra soluzione semplice e veloce. Salta, un bel getto d’acqua e potrai facilmente distruggere i nidi di pianta cartacea. Terrorizzate, le vespe rimanenti alla fine voleranno via, per non tornare mai più.
  • Crea una trappola per vespe
E perché non creare una trappola per vespe fai-da-te? Il vantaggio è che probabilmente hai già tutto quello che ti serve a portata di mano. In particolare una bottiglia di soda come esca: intrappolerà le vespe e le annegherà nel liquido. Posiziona questa bottiglia in un punto strategico del giardino o appendila a un albero. Suggerimento  : tieni presente che anche i contenitori per il compost possono attirare le vespe, quindi assicurati che i tuoi siano ben sigillati. Altrimenti, spostali in casa se non riesci a tenere lontani questi insetti.
  • Elimina le crepe
Sì, le vespe possono nidificare anche nelle fessure e nelle cavità del terreno. Quindi, assicurati di sigillare queste crepe nelle fondamenta. Tienili rattoppati e riempiti per evitare che entrino in casa tua. Prestare particolare attenzione alle crepe sui bordi del rivestimento della casa o ai fori dove passano i cavi. Inizia questo processo all’inizio dell’autunno, prima che vengano costruiti i nidi primaverili.
  • Aggiungi piante repellenti per vespe
Naturalmente esiste tutta una serie di  piante repellenti per tenere lontane quelle maledette vespe! Se avevi intenzione di coltivarne qualcuno, ecco quelli da coltivare in via prioritaria: menta verde, timo, eucalipto, assenzio e citronella. Come bonus, il loro profumo scoraggerà anche altri insetti fastidiosi. Piantali nelle aree dove passano spesso le vespe. Oh, ma sì, alcuni bei fiori sono ottimi anche per respingere questi parassiti. Focus su calendule, gerani e Pennyroyal! Ma, al contrario, alcune piante attirano le vespe, tra cui il finocchio dolce, il pizzo della regina Anna e l’achillea millefoglie. Quindi, pensa attentamente prima di affrettarti!
  • Sbarazzarsi dei cibi indesiderati
Igiene e pulizia sono alleati fondamentali in questa lotta. Quindi prendi l’abitudine di rimuovere tutto ciò che potrebbe attirare le vespe. Soprattutto avanzi di cibo, briciole e fondi di soda sul tavolo della terrazza. Sappi che amano le proteine, quindi il tuo barbecue è sempre attraente. Pulirlo accuratamente dopo l’uso! E poiché adorano le bevande dolci, non lasciare le lattine sul tavolo. Dì a te stesso che questi insetti non verranno a trovarti se non c’è niente di interessante da mangiare nelle vicinanze!
  • Prodotti chimici
Se sei coraggioso e ti senti capace di distruggere un nido di vespe, puoi usare metodi più aggressivi. Ma, come detto, tieni sempre i bambini e gli animali domestici lontani da quest’area prima di iniziare questo processo. Ovviamente, se si ha un minimo di timore, è meglio rivolgersi ad una ditta specializzata per sterminare questi nidi.
  • Polvere insetticida
Quando si tratta di nidi terrestri, è sempre più saggio utilizzare questa polvere piuttosto che i pesticidi. Penetra meglio nel cuore del nido per distruggerlo. Ma non fare le cose alla leggera, segui attentamente le istruzioni riportate sulla confezione. Applicare una quantità generosa sul nido e lasciare l’area. Il giorno dopo controlla se ha funzionato bene. Se il risultato non è dei migliori, aggiungi altra polvere.
  • Ciotole per intrappolare
Avrai bisogno di una grande ciotola piena d’acqua, aceto di mele, un po’ di zucchero e detersivo per piatti. L’idea è attirarli prima. Perché alle vespe piacciono i liquidi dolci: atterreranno quindi nella ciotola e cadranno nella trappola dell’acqua saponata. Piccolo consiglio:  per evitare di attirare le api, applica l’aceto di sidro sul bordo della ciotola (non sopportano l’odore, a differenza delle vespe). Ed è tutto, tutto quello che devi fare è preparare diverse piccole ciotole e posizionarle ovunque. Svuotare la miscela ogni 3 o 4 giorni e ripetere l’operazione.
  • Polvere antivespa
Questa polvere insetticida è la versione in polvere degli spray commerciali per vespe che trovi nei negozi di ferramenta. Come applicarlo? Basta versarlo in un applicatore a bulbo, quindi spruzzare l’ingresso del nido in modo che le vespe escano coperte di polvere. Per un effetto radicale, deve essere applicato più volte. Con il passare dei giorni, sentirai che la maggior parte delle vespe cadono come mosche!  Abbiate cura di toglierli dal terreno per non attirare la curiosità degli animali.
  • Trappole appiccicose
Se non hai intenzione di avere uno scontro diretto o non sei sicuro della posizione del nido, le trappole adesive sono ottime per una rimozione lenta. Lentamente ma sicuramente ! Come bonus, questo ti evita di usare pesticidi spruzzati in giardino. Come funziona ? Le vespe sono attratte dall’esca nella trappola, ma rimangono bloccate quando atterrano e non possono scappare.  Appendi queste trappole ovunque volino abitualmente. Sostituirli di tanto in tanto quando sono pieni. E voilà!
  • Pesticidi
In commercio troverete aerosol specifici per uccidere le vespe. Mira all’apertura inferiore del nido, secondo le istruzioni sulla scatola. Lasciare agire lo spray durante la notte e controllare se c’è ancora attività la mattina successiva. Se ci sono ancora vespe persistenti, ripeti il ​​processo finché non le estirperai tutte. Fatto ciò  smontate il nido utilizzando un lungo bastone . Fate attenzione a buttare via questo nido carico di sostanze tossiche per non avvelenare i vostri animali domestici.
  • Annegare il nido
Con questo metodo sarai in contatto diretto con un nido appeso all’albero, quindi assicurati di essere ben protetto prima di iniziare. Vi occorre un buon sacchetto di stoffa (senza buchi) che utilizzerete per arrotolare il nido. Lega saldamente la parte superiore e rimuovila dall’albero. Quindi, gettalo in un secchio di acqua saponata e mettici sopra qualcosa di pesante . Lascialo così durante la notte per assicurarti di eliminare tutte le vespe.
  • Fuoco e fumo
Infine, per eliminare i nidi aerei situati sui rami degli alberi o in altre zone esposte, alcune persone accendono per alcune ore un fuoco direttamente sotto il nido. Questo soffoca o costringe le vespe a uscire. E una volta libero, il nido potrà essere facilmente smontato e gettato via. Ma, in verità, questo metodo dovrebbe essere preso con le pinze.  È piuttosto pericoloso per due motivi: il rischio di diffondere il fuoco e il rischio di far arrabbiare davvero queste creature. Potrebbero attaccarti violentemente!

Fase 3: il piano d’attacco

Secondo i ricercatori dell’Università del Michigan, le colonie di vespe raggiungono la loro dimensione massima verso la fine dell’estate . Allora quando sarebbe il momento migliore per rimuovere i nidi? All’inizio dell’anno, intorno alla primavera, le regine emergono dallo stato di ibernazione per formare nuove colonie. Quindi, verso la metà di giugno, il nido è ancora piccolo e concentrato sulla crescita. Se vuoi rimuoverlo senza danneggiare le vespe, ora è il momento migliore per farlo. Ma se si ritarda la sua eliminazione , col tempo diventerà sempre più difficile e ancora più pericolosa. Come noi, le vespe sono più attive durante il giorno. Ma a differenza delle api, non passano tutto il giorno a produrre il miele. In altre parole, è più saggio attaccarli quando sono stanchi e più vulnerabili. Ed è sempre più intelligente irrorare il nido quando sono meno attivi e tutti riuniti nello stesso posto. Inoltre non ti viene chiesto di restare sveglio tutta la notte. L’Università del Minnesota afferma che questo può essere fatto a tarda notte o al mattino presto. Ma ricorda, devi usare una luce rossa per vedere il nido o aspettare l’alba per goderti il ​​sorgere del sole. Dai un’occhiata al tempo, poiché le ore più fresche sono anche alcuni dei periodi migliori per spruzzare un nido di vespe. Termina il lavoro prima che le temperature inizino ad aumentare al mattino.

Attenzione

Non lo diremo mai abbastanza: non cercare di rimuovere un nido difficile da raggiungere, soprattutto se sei allergico al veleno di vespa.

Per informazioni

Se rimuovi un nido per diversi anni consecutivi, questo è anche un buon modo per scoraggiare le vespe dal ricostruirlo in futuro.

Passaggio 4: esecuzione del piano

Probabilmente ti starai chiedendo quale sia la chiave per completare con successo la tua missione senza rimanere punto, giusto? Bene, si tratta di due cose: la tua abilità e gli strumenti che scegli. La regola d’oro è soprattutto stare il più lontano possibile dal nido pur potendo farlo esplodere da dove ci si trova. Se ad esempio utilizzi uno spray antivespe, vorrai che il flusso possa fuoriuscire il più lontano possibile. E, quando si spruzza, bisogna prima colpire l’ingresso del nido: questo verrà percepito come una sorta di allarme che avviserà le vespe e queste si precipiteranno a contrastare qualunque cosa attacchi il loro alveare. Quindi, come avrete capito, irrorando l’ingresso del nido, soprattutto con insetticidi schiumogeni, avrete la garanzia che la maggior parte delle vespe entreranno in contatto diretto con lo spray. Da lì potrai continuare ad innaffiare il resto del nido finché  non ci sarà più alcuna attività. Lo saprai per certo quando vedrai tutte le vespe stese a terra.

Suggerimento professionale

Ricorda che il lavoro non sarà completato finché non avrai spazzato il pavimento e gettato con cura tutti gli insetti nella spazzatura. Che si utilizzi una bomboletta spray, acqua saponata o acqua bollente, l’obiettivo è sempre lo stesso: colpire prima l’ingresso del nido, poi spruzzare l’intera area. Vai avanti e non restare in giro! Non lasciare spazio a dubbi o esitazioni, altrimenti sarai un bersaglio facile. Spruzza l’intero nido con l’arma che hai in mano: il tuo assalto non deve durare più di 15 secondi, trascorsi i quali dovrai scappare  nel tuo nascondiglio.

Come prevenire la comparsa di un nido di vespe?

Distruggere un nido di vespe è un buon modo per controllarle e prevenire una potenziale invasione in casa. Ma ovviamente l’altra opzione, molto più decisiva, sarebbe quella di scoraggiarli del tutto dal costruire un nido nell’area circostante. Sì, ma come farlo? Il compito è molto meno complicato di quanto immagini. E in più le soluzioni naturali non mancano, non sarà nemmeno necessario ricorrere a sostanze chimiche tossiche. Ecco i nostri piccoli consigli:
  • Usa gli oli essenziali
Gli specialisti consigliano l’uso di molti oli essenziali per  allontanare le vespe , anche in presenza di cibo. I più potenti sono: menta piperita, salvia, rosmarino, chiodi di garofano e citronella. Ma attenzione, questi oli sono dannosi per le api, quindi prendete precauzioni per non attirarle.
  • Raccogli i tuoi alberi da frutto
Come noi, le vespe non sono indifferenti alla frutta fresca. Se avete degli alberi da frutto nel vostro giardino, assicuratevi di raccogliere i frutti il ​​prima possibile e soprattutto di raccogliere quelli che cadono a terra, anche quelli più marci.
  • Copri i bidoni della spazzatura
Rifiuti e resti di cibo sono un facile bersaglio per le vespe più affamate (e non solo, anche scarafaggi, topi e altri parassiti trovano lì felicità!). Quindi, abbi il riflesso di svuotare il bidone della spazzatura il più frequentemente possibile o almeno di chiudere sistematicamente il coperchio. Lo stesso vale per i contenitori per il compost, se li avete.
  • Sigillare i punti di ingresso
Ispeziona regolarmente l’esterno della tua casa. Riparare prese d’aria e crepe non sigillate. Tieni presente che vespe e altri insetti fastidiosi possono facilmente entrare attraverso le minuscole aperture e stabilirsi lì anche durante l’inverno. Quindi, all’inizio della primavera, consolidate queste fessure ancor prima che le vespe abbiano il tempo di costruirvi i loro nidi. Altrimenti puoi farlo nel tardo autunno, dopo aver distrutto tutti i nidi.
  • Nascondi il cibo per animali
Hai animali domestici in casa? Ricordatevi sempre di coprire il cibo (anche le mangiatoie per uccelli) per evitare di attirare le vespe.
  • Appendi dei nidi finti
Potrebbe non funzionare sempre, ma vale la pena provare! Una cosa è certa: le vespe rispettano il territorio delle altre specie e non si avventurano mai a creare una propria colonia in un’area già occupata. Inoltre, sarebbe un buon modo per ingannarli. Corri in un negozio di giardinaggio e compra alcuni nidi finti da appendere in casa e in giardino. Inoltre, se sei un buon fai-da-te, puoi anche crearne uno tuo facilmente. Solo che non dureranno quanto quelli commerciali.
  • Rimuovi i nidi vuoti
Questo non è il caso di tutti, ma alcune specie di vespe costruiranno il nido attorno ai vecchi posti vacanti nella primavera successiva. Assicurati di togliere questi nidi vuoti per togliere il tappeto da sotto!
  • Usa trappole per vespe
Naturalmente è anche possibile catturare le vespe realizzando (o acquistando) una trappola molto intelligente. È semplice da preparare e non ti richiederà più di cinque minuti. Posizionali in un perimetro attorno al punto in cui trascorri spesso del tempo all’aperto. Esca queste trappole con carne per non attirare api e altri insetti innocui.
  • Concentrati sull’acidità dell’aceto
L’acidità dell’aceto bianco   ha la capacità di irritare tutti i tipi di insetti, comprese le vespe. Quello che acquisti in negozio è solitamente diluito al 4 o 5% di acidità. Si tratta quindi di un’arma perfetta: l’odore di questo repellente naturale influisce sul loro sistema nervoso e finisce addirittura per seccarli. Questo è il motivo per cui alcuni insetti cadono immediatamente quando li spruzzi con l’aceto.

Come trovare un nido di vespe?

In genere nidifica in zone abbastanza discrete. Come accennato in precedenza, le vespe solitarie preferiscono fare i nidi sottoterra, mentre le vespe sociali fanno i loro nidi fuori terra. Ma dove esattamente?

Nidi di vespe e calabroni

  • Alberi e cespugli.
  • Sotto ponti e cortili.
  • Sotto la soffitta della casa.
  • Nelle crepe o nelle fessure.
  • Dietro le persiane.
  • Sopra o accanto agli apparecchi di illuminazione esterni.
  • Nei campi da gioco.
  • Su supporti per cassette postali.
  • All’interno di rack inutilizzati.

Nidi sotterranei

  • Sotto lastre di cemento o asfalto, come vialetti o cortili.
  • Sotto le rocce.
  • Sotto rami o tronchi caduti.

Che tipo di vespa possiamo affrontare?

Naturalmente, conoscere il tuo nemico ti aiuterà a combatterlo meglio! In Francia esistono sette specie di vespe aggressive (sociali o colonizzatrici, compresa la vespa cartacea). Quando si tratta di calabroni, due specie sono le più comuni: il calabrone europeo e il calabrone asiatico.

Vespula vulgaris – La vespa comune

Vespula vulgaris
Probabilmente è il più popolare. Lungo circa 2 cm, è vestito di fasce gialle e nere lungo il corpo, con una vita ben definita tra il torace e l’addome (da qui la famosa espressione “vita di vespa”). Ha due paia di ali e antenne piuttosto lunghe e robuste. La sua puntura si trova all’estremità posteriore dell’addome. Si noti che la regina (femmina riproduttiva) è spesso più grande delle operaie (femmine non riproduttive).

Vespula germanica – La vespa tedesca

Vespa tedesca
Questa specie è simile nell’aspetto alla precedente, anche se leggermente più grande. Il modo migliore per differenziarli è guardare da vicino il viso: generalmente ci sono tre piccoli punti neri (raramente uno). La punta superiore non ha la forma di un’ancora, come nel caso della vespa comune. Per quanto riguarda le antenne, sono nere alla base e le strisce toraciche sono spesso rigonfie al centro. Infine, noterai quattro macchie gialle sul retro del torace.

Vespula rufa – La vespa rossa

Vespula rufa
Questa vespa presenta generalmente segni rossi e motivi neri sul primo e sul secondo segmento addominale.

Dolichovespula media – La vespa cespugliosa

Dolichovespula media
Questa specie si distingue per le macchie gialle sulle spalle, il muso con una sottile barra nera e le antenne gialle alla base. L’addome è spesso (ma non sempre) più nero rispetto ad altre specie, con sottili bande gialle.

Dolichovespula saxonica – La vespa sassone

Vespa sassone
A differenza di altre, queste vespe sono note per essere pacifiche. Di solito costruiscono il nido in aprile o maggio, a causa delle loro origini (regioni più calde d’Europa), appesi al ramo di un albero.

Dolichovespula sylvestris – La vespa dei boschi

vespa di legno
Con una lunghezza di 22 mm, questa vespa ha una faccia generalmente giallo chiaro con una punta. Anche le sue antenne sono gialle e il suo torace ha peli sui lati e due macchie gialle sul dorso.

Polistes dominula – La poliste gallica

Il polacco gallico
Il suo aspetto è a metà tra la vespa sociale e il muratore. I maschi hanno le punte delle antenne uncinate, come quelle delle vespe muratrici. Sebbene questa specie sia solitaria, il suo comportamento è sociale con operaie differenziate al servizio di un’unica regina.

Vespa crabro – calabrone europeo

Calabrone europeo
Con una dimensione che varia dai 25 ai 35 mm, questo calabrone è un insetto impressionante (è addirittura considerato la più grande vespa sociale della Gran Bretagna!). Le regine (femmine riproduttive) sono più grandi dei maschi e delle operaie (femmine non riproduttive). Il suo torace è marrone e presenta strisce alternate gialle/arancioni e bruno-nere lungo l’addome.

Vespa velutina nigrithorax – Calabrone asiatico

Calabrone asiatico
Più piccolo, questo calabrone è originario della Cina, è stato introdotto accidentalmente in altre parti del mondo. Ha zampe gialle distintive rispetto ad altri insetti. Il suo corpo è di un marrone (o nero) vellutato, mentre l’addome è quasi scuro, ad eccezione del quarto segmento che è giallo scuro. La sua testa è nera e la faccia diventa gialla. In genere, le regine ovaiole sono lunghe 30 mm e i maschi circa 24 mm, mentre le operaie sono più piccole (circa 20 mm di lunghezza).

Domande frequenti

Perché abbiamo bisogno delle vespe?

Le vespe sono preziosi impollinatori e nemici naturali di molti parassiti del giardino. Essendo onnivoro, mangia ragni, larve e altri insetti che danneggiano piante e fiori. Questo è il motivo per cui giardinieri, paesaggisti o agricoltori non si preoccupano di averli a portata di mano. Certamente una vespa o due non sono male. Ma uno sciame intero che sorvola il nostro giardino non è mai rassicurante, soprattutto quando si hanno dei bambini. Purtroppo ne abbiamo paura. Anche se non attaccano spontaneamente e deliberatamente, le vespe possono diventare aggressive e attaccare chi le provoca o cerca semplicemente di scacciarle.  

Calabroni e vespe sono simili?

E’ lo stesso tipo di insetti volanti. L’unica differenza è che i calabroni fanno parte della famiglia delle vespe sociali, quelle che fanno il nido in un certo modo (cartapesta e saliva).

Gli spray commerciali contro le vespe sono efficaci?

Si Certamente. Questi spray sono potenti insetticidi, formulati in modo da poter rimanere a distanza di sicurezza quando li applichi. Sono costituiti da sostanze chimiche (piretroidi e piretrine) che colpiscono fatalmente il sistema nervoso delle vespe. Disponibili in commercio, questi spray ti daranno risultati soddisfacenti. Basta aprirlo e riprendere un buon flusso da una buona distanza. Altro vantaggio: le piretrine possono creare un effetto residuo che dura fino a due o tre mesi, eliminando eventuali vespe che osano avventurarsi in quella zona. Ma ci sono anche alcuni svantaggi. Da un lato, questo spray ha una quantità limitata, quindi dovrai acquistarne di più per eliminare tutti i nidi. D’altra parte, essendo prodotti chimici, questi aerosol non sono ecologici e quindi inquinano l’ambiente. E, naturalmente, bisogna sempre usare prudenza (seguire, infatti, alla lettera le avvertenze riportate sulle confezioni): evitare il più possibile di spruzzare questo tipo di insetticida soprattutto in caso di troppo vento, indossare una tuta adeguata e tenere i tuoi figli lontani. Nota : se non ti senti a tuo agio con i prodotti chimici, nulla ti impedisce di optare per soluzioni naturali che ti saranno altrettanto utili nella lotta contro i parassiti.

Le vespe sono attive di notte?

La maggior parte delle vespe sono fuori dal nido durante il giorno. Certo, potresti distruggere questi alveari vuoti, ma in questo caso lasceresti tutte le vespe allo stato brado e alla fine si rifugierebbero altrove. Quindi l’idea sarebbe quella di aspettare fino al calare della notte per attaccare. Nelle ore tranquille della sera, la maggior parte delle vespe riposa nel nido, dopo essere stata attiva tutto il giorno alla ricerca di cibo. In questo m