Utilizzate ogni giorno per molteplici compiti, le spugne sono un vero e proprio terreno fertile per i batteri. Ecco perché è importante cambiarli regolarmente per una migliore igiene. Scopri quanto spesso farlo.

Pulire il piano di lavoro, lavare i piatti o anche lucidare le superfici sono tutte attività che svolgiamo quotidianamente utilizzando una spugna. Questi molteplici usi portano ad un accumulo di batteri che richiede il cambio regolare di questo oggetto per la pulizia quotidiana.

Pulire e disinfettare la spugna è essenziale

Spugna per piatti. fonte: sp

 

Se è importante pulire la spugna da cucina, è per ovvi motivi di igiene. Mentre pulisci, le fibre accumulano sporco e impurità che possono danneggiare le superfici che stai cercando di pulire. Quando la spugna inizia a cambiare colore o a emanare un cattivo odore, è il momento di pulirla a fondo. Per fare questo, mettetelo nel cestello delle posate della lavastoviglie o  in lavatrice a 60°C . Puoi anche metterlo, imbevuto di acqua e sapone, nel microonde per 2 minuti. La tua spugna uscirà fresca, disinfettata e priva di sporco.

Puoi anche lavarlo a mano con un preparato detergente efficace. Per fare questo, riempite ¾ di una ciotola con la stessa proporzione di acqua e aceto bianco, un potente disinfettante. Immergi la spugna nel liquido acido e mettila nel microonde per due minuti. Puoi anche immergerlo in una miscela di acqua e succo di limone, un agrume che uccide i batteri. Lasciate agire tutta la notte, non vi resta che risciacquare accuratamente.

Spugna per la pulizia delle superfici. fonte: sp

 

Ogni quanto cambiare le spugne da cucina?

La risposta dipende dall’uso che ne fai. Se usi quotidianamente una spugna per pulire i piatti e cucini stoviglie unte, è consigliabile cambiarla ogni due settimane. Se usi la spugna per pulire superfici come il piano di lavoro o il lavello,  puoi sostituirla  ogni due mesi, purché la pulisci e la disinfetti regolarmente . Inoltre si consiglia di buttarlo ai primi segni di sgretolamento, perché a quel punto è fuori uso. Quando è asciutto, deve essere sostituito, indipendentemente da quanto tempo è stato utilizzato.

Spugna impregnata di sporco. fonte: sp

 

Come far durare più a lungo una spugna?

La prima abitudine da adottare per far durare una spugna è quella di strizzarla il più possibile  dopo ogni utilizzo e di non riporla in un contenitore che contenga acqua, perché l’umidità genera batteri. Tra un utilizzo e l’altro si consiglia di  lasciare asciugare bene la spugna  in modo che non emetta cattivi odori. Per fare ciò, si consiglia di posizionarlo su un piccolo vaso forato di plastica o metallo in modo che si asciughi correttamente. Ovviamente è consigliabile avere più spugne, una per pulire ogni superficie della casa.

Cambiare la spugna è essenziale ogni due settimane o due mesi per una buona igiene. Nel frattempo bisognerebbe adottare alcune abitudini per prolungarne la durata di vita e prevenire la comparsa di batteri.