Press ESC to close

Perché non dovresti usare i cesti grandi per il bucato?

Spesso conserviamo la biancheria sporca in un grande cesto ma questo è un errore. Scopri perché dovresti utilizzare invece un altro contenitore. Una cosa è certa: adotterai presto questa abitudine nella tua vita quotidiana.

Se da un lato avere un cesto capiente è pratico perché può contenere una grande quantità di biancheria, è una cattiva abitudine metterci dentro vestiti, asciugamani e lenzuola sporchi. Si consiglia invece di sostituirlo.

Perché non mettere un grande cesto per la biancheria in bagno?

Anche se utilizzare un cesto portabiancheria capiente consente di distanziare il bucato, questa abitudine è sconsigliata a chi vuole conservare al meglio il proprio bucato. Esiste un altro modo per pulire i vestiti, che è molto più pratico.

Piuttosto che utilizzare un cesto portabiancheria grande che ha il vantaggio di poter contenere una grande quantità di vestiti, è meglio utilizzare un contenitore o un cesto più piccolo. La ragione ? Quest’ultimo si riempirà più velocemente. Ciò significa che i lavaggi saranno più frequenti e i vestiti verranno lavati meglio perché il cestello non sarà pieno come quando si svuota un classico cesto grande. Per non rovinare nulla,  si evita il rischio di cattivi odori  nella lavanderia o nel bagno. Usare un cestino più piccolo ha anche un vantaggio per i tuoi interni. E per una buona ragione, questa abitudine permette di ottimizzare lo spazio grazie alle dimensioni ridotte dell’oggetto.

Portabiancheria - fonte: spm

Ci sono altre abitudini per prendersi cura del proprio bucato

Oltre ad utilizzare un piccolo cesto per riporre la biancheria sporca, ci sono altre abitudini da adottare  per un bucato perfetto . I tuoi vestiti, asciugamani e lenzuola saranno immacolati e avranno sempre un buon profumo!

1- Lavare la biancheria a bassa temperatura

Anche se molti pensano che usare una temperatura elevata smacchi i vestiti, sappi che abbassarla di qualche grado è più rispettoso dei tessuti dei vestiti. Si consiglia inoltre di utilizzare un detersivo delicato  che non danneggi la fibra del tessuto . Optate invece per il lavaggio a 30 gradi per preservarlo dalle deformazioni. Se è necessario il lavaggio a basse temperature, gli indumenti, la biancheria da letto o gli asciugamani devono essere puliti a temperature più elevate per eliminare cattivi odori, germi e batteri.

Fare il bucato - fonte: spm

2- Utilizzare polveri e detersivi ecologici per lavare i vestiti

Usare questo tipo di prodotto non fa bene solo all’ambiente ma anche al tuo bucato. La delicatezza di questi detersivi allunga la vita di questi ultimi. Li trovate in tutti i supermercati con le profumazioni che preferite. Assicurati che questi prodotti abbiano una composizione a base vegetale . Puoi anche preparare un detersivo per il bucato fatto in casa con ingredienti ecologici che trovi nella tua dispensa.

Detergente in polvere - fonte: spm

3- Limitare il lavaggio a secco della biancheria

Per essere più rispettosi dell’ambiente ,  è consigliabile evitare il più possibile il lavaggio a secco. E per una buona ragione,  questo processo prevede l’utilizzo di prodotti altamente chimici  che possono avere effetti negativi anche sulla pelle ma anche sulle fibre tessili. Se è possibile lavare questo capo in altro modo, è possibile eseguire cicli a basse temperature. Quando non hai altra scelta che optare per questo tipo di pulizia, utilizza smacchiatori ecologici con etichetta ecologica.

Lo avrai capito: la chiave è non lavare in quantità per preservare il tuo bucato. Queste abitudini ti permetteranno di avere un bucato senza macchie, fresco e morbido.