Probabilmente c’è un tagliere in ogni cucina. Quello che però molti non sanno: il foro laterale della tavola non serve solo per appenderla. Offre anche un’altra funzione molto pratica.

Per chi cucina spesso e con passione in casa, l’acquisto di un tagliere è quasi indispensabile. Quando tagli le verdure o la carne in cucina, ovviamente non vuoi danneggiare il piano di lavoro.

Questi pratici accessori da cucina hanno spesso un foro sul lato superiore. Molti consumatori lo utilizzano per appendere il tagliere al muro, liberando spazio in cucina.

Ciò che molti non capiscono: il foro nel tagliere ha un’altra funzione pratica che potrebbe rendere la vita molto più semplice a molti cuochi casalinghi.

Un problema comune quando si tagliano verdure e simili: una volta tagliati gli ingredienti, non è sempre facile trasferirli dal tagliere alla pentola o alla padella. Capita spesso che alcuni pezzi cadano se non si presta la massima attenzione.

È qui che entra in gioco il foro del tagliere: per evitare fuoriuscite, posiziona semplicemente il foro direttamente sopra la pentola o la padella e versaci attraverso gli ingredienti tagliati, come puoi vedere nell’immagine qui sotto.

Naturalmente, questo presuppone che il buco sia abbastanza grande. Su alcune tavole il foro serve solo per appendere la tavola ed è quindi troppo piccolo. In questo modo non si perde nulla: tutto ciò che cade nel buco finisce direttamente nella padella, e ciò che rimane sul tabellone durante il primo tentativo lo segue durante il secondo.

E se usi abitualmente un tagliere, ricorda che è a diretto contatto con il cibo, spesso crudo. Se non viene adeguatamente pulito, può diventare un terreno fertile per i batteri. Inoltre, un tagliere utilizzato per tagliare la carne e poi le verdure, senza un’adeguata pulizia nel mezzo, può portare a contaminazione incrociata. Ecco perché è fondamentale monitorare e garantire l’igiene dei taglieri.