L’inverno non è lontano e per affrontare questa nuova ondata di freddo hai deciso di portare fuori maglioni, piumini, coperte e borse dell’acqua calda, tra gli altri. Ma questo basterà? Pensi che utilizzare il riscaldamento sarà la soluzione migliore. Tuttavia, nell’interesse dell’economia, ne ritardi costantemente l’avvio. Allora, qual è il momento ideale per accendere il riscaldamento? La risposta si trova nelle righe che seguono.

Quando è il momento giusto per accendere il riscaldamento?

 

Se il risparmio energetico ti sta a cuore, questo è il momento giusto per accendere il riscaldamento.

Qual è il momento ideale per accendere e avviare il riscaldamento?

Con l’avvicinarsi dell’inverno, tutti temiamo la stessa cosa: affrontare un’ondata di freddo senza precedenti con piogge e nevicate sempre più intense. Pertanto, alcune famiglie si trovano di fronte a un serio dilemma: come riscaldarsi risparmiando energia? Un vero grattacapo, se si sa che  le spese di riscaldamento gravano pesantemente sui bilanci di un numero sempre maggiore di francesi . In un contesto del genere, una domanda viene sempre più in mente: “Quando dovremmo accendere il riscaldamento?” “. Infatti, per controllare le spese e utilizzare il riscaldamento nel modo più efficiente possibile, sarà fondamentale accenderlo al momento giusto. Ecco come procedere.

Per accendere il riscaldamento

 

Accendi il riscaldamento in base alla temperatura di ogni stanza

Per evitare che il vostro budget e le vostre bollette energetiche esplodano, è  necessario non solo riscaldarsi alla  giusta temperatura  ma anche al momento giusto  ! Dovreste quindi prestare attenzione ed evitare di accendere il riscaldamento troppo presto.

In una situazione del genere, non è una questione di data ma piuttosto di sentimento. In altre parole, il momento migliore per accendere il riscaldamento è  quando senti che la temperatura in casa è diventata troppo fredda . Secondo EDF, infatti, la temperatura ideale di un ambiente abitativo, come il soggiorno, la cucina o la sala da pranzo, non dovrebbe superare i 19°C. Negli altri ambienti, come la camera da letto o il bagno, la temperatura dovrebbe essere di 17°C. Fa eccezione il bagno, che richiede generalmente una temperatura superiore ai 20°C.

Come avrete capito, per beneficiare di un comfort termico ottimale, è necessario accendere il riscaldamento solo se la temperatura è inferiore a 19°C in uno dei soggiorni, 17°C per le altre stanze, escluso il bagno, la temperatura di cui non deve essere inferiore a 20°.

Riscaldati in una stanza fredda. fonte: sp

 

Come ridurre le bollette del riscaldamento?

Oltre ad accendere il riscaldamento al momento giusto, puoi sempre  utilizzare alcuni trucchi per ridurre le bollette energetiche . In questo modo potrai godere di un comfort termico ottimale senza preoccuparti dei costi che questo potrebbe generare.

Ridurre  la temperatura del riscaldamento:  potrà essere banale, ma ecco il primo proposito da prendere, ovvero ridurre  di un grado la temperatura del vostro riscaldamento . Effettuando questa semplice azione, secondo  ADEME , potrete ridurre i vostri consumi di circa il 7%.

Manutenzione  del riscaldamento:  per godere di un comfort termico ottimale, la manutenzione dei vostri apparecchi di riscaldamento è obbligatoria e deve essere effettuata di fatto, ogni anno. Ciò allunga la vita della tua attrezzatura, aumenta il comfort e risparmia energia .

Manutenzione del riscaldamento da parte di un professionista. fonte: sp

 

Isolare gli ambienti:  uno dei motivi principali della  perdita di calore  all’interno di un’abitazione è senza dubbio lo scarso isolamento . Inoltre, per mantenere il calore all’interno della vostra casa potete adottare semplici accorgimenti quotidiani e cioè: lasciare le persiane aperte nelle giornate soleggiate per beneficiare del calore naturale e chiuderle di notte, soprattutto se non si dispone di doppi vetri.

Rivolgiti ad  un dispositivo più efficiente:  se il tuo dispositivo non ti dà piena soddisfazione, sarebbe quindi necessario valutare la possibilità di sostituirlo. Inoltre,  sempre più sistemi di riscaldamento vogliono essere più economici ed ecologici , come la pompa di calore. Può essere posizionato all’esterno o all’interno della casa, quest’ultima richiede solo dal 30 al 50% di elettricità per coprire il 100% del fabbisogno di riscaldamento, secondo EDF.

Optate  per il riscaldamento supplementare:  per alleggerire e ridurre le vostre bollette elettriche, non esitate a ricorrere al riscaldamento supplementare, più economico.  Oltre al riscaldamento elettrico, puoi optare per una stufa a pellet . Quest’ultimo ti consente di riscaldare i tuoi ambienti in modo efficiente senza preoccuparti dei costi che ciò potrebbe generare.

Spurgare  i radiatori:  per beneficiare di un comfort termico ottimale, efficiente e, soprattutto, uniforme, ricordatevi di  spurgare i radiatori  ogni 6 mesi: una volta prima del periodo di riscaldamento e l’altra dopo il periodo di riscaldamento . In questo modo eliminerai l’aria intrappolata nei vari tubi del tuo apparecchio riscaldante e allo stesso tempo eviterai un consumo eccessivo di energia.

Prendendo in considerazione tutti questi suggerimenti e trucchi, ora saprai quando accendere il riscaldamento. Inoltre, è necessario pensare a isolare adeguatamente la propria casa e garantire la manutenzione delle proprie apparecchiature per beneficiare di un comfort termico ottimale durante l’inverno.