Pulire la toilette è spesso un incubo, soprattutto se sul fondo della tazza si sono incrostate le incrostazioni, che conferiscono alla toilette un aspetto trascurato.

Il calcare è un nemico ostinato nelle nostre case. Nel bollitore, sul soffione della doccia, sui rubinetti, sul fondo della vasca… La toilette non fa eccezione. La sua presenza è causata dall’acqua dura che contiene calcio e magnesio. Lavi  la toilette ogni settimana, ma compaiono macchie marroni, rosa, verdi o bianche che rimangono sempre sul fondo della tazza, dando alla tua toilette un aspetto “sporco”? State tranquilli, non siete gli unici ed esiste una soluzione per dare loro una spinta.

L’accumulo di calcare nei WC non solo può essere antiestetico, ma può anche causare problemi idraulici a lungo termine. È quindi importante affrontare il problema il più rapidamente possibile. Ma attenzione, bisogna conoscere bene i prodotti giusti da utilizzare, altrimenti il ​​calcare presente nel wc sarà davvero difficile da rimuovere, soprattutto se è incastrato nella porcellana. Con il passare del tempo, i minerali (magnesio e calcio) si accumulano, causando antiestetiche macchie rossastre, marroni o verdi e desquamazioni.

Anche se in commercio esistono molti metodi chimici per rimuovere il calcare dai WC, questi possono essere costosi e, soprattutto, dannosi per la salute e per il pianeta. Fortunatamente esistono alternative naturali ancora più efficaci e non richiederanno alcuno sforzo da parte tua per eliminare il calcare dal WC. Una buona soluzione per pulire il calcare è quella di utilizzare una miscela di aceto e agrumi e acqua calda. Versate sul fondo della ciotola mezzo litro di aceto bianco e il succo di un limone. Aggiungere acqua bollente, chiudere il coperchio e lasciare agire la soluzione per almeno un’ora.

L’acqua calda aumenterà l’azione decalcificante dell’aceto bianco. Poi strofinate con la spazzola, vedrete come per magia dei pezzi di calcare staccarsi dal fondo della tazza, quindi tirate l’acqua. Il fondo del water tornerà bianco senza dover strofinare. Non esitate a utilizzare questo metodo ogni 2 o 4 settimane per evitare che il calcare si incrosti nuovamente ed eviti così antiestetici segni.