Press ESC to close

Tutto quello che c’è da sapere sulla conservazione di un uovo sodo

Alla coque, fritti, strapazzati, duri, in camicia, frittata… Ci sono mille e uno modi per gustare le nostre uova. Ma, sebbene siano salutari e spesso facili da preparare, molte persone fanno un po’ fatica quando si tratta di conservarli. Devono essere refrigerati o devono essere conservati a temperatura ambiente? E una volta cotte, quanto tempo si conservano in frigo le uova sode? Non rischiano di marcire troppo in fretta? Insomma, in questo articolo, cercheremo di rispondere a tutte queste domande che ti assalgono.

Le uova possono essere conservate in frigorifero?

Uova conservate in frigo

Domanda veloce: dove si trovano le uova al supermercato, refrigerate o semplicemente sugli scaffali? Di solito sono a temperatura ambiente? Allora hai la tua risposta. Una volta a casa, segui lo stesso principio. Anche se il tuo frigorifero contiene vassoi rotondi appositamente progettati per le uova, non ti consigliamo di usarli. È meglio tenerli nella loro scatola e tenerli in un angolo all’ombra del caldo.

Non hai un posto dove metterli e insisti davvero a refrigerare le tue uova?   In questo caso, dovresti installarli immediatamente in frigorifero non appena arrivi a casa. Ricorda, durante i mesi caldi, la temperatura in frigorifero dovrebbe essere al massimo di 4º C. Attenzione: non lavare mai le uova prima di riporle, altrimenti si rischia di distruggere la membrana protettiva e favorire l’accumulo di umidità.

Qual è la durata di conservazione di un uovo sodo?

Generalmente, le uova vengono conservate in un ambiente al di sopra dei 20°C. Ecco perché troverai sempre le scatole sugli scaffali dei negozi, non nei frigoriferi. Ma che dire delle uova sode? Una volta cotte, se volete conservarle per dopo, come conservarle al meglio? Ecco due idee:

  • Con la conchiglia

Lasciateli prima raffreddare a temperatura ambiente. Quindi, mettili in un contenitore ermetico e lì puoi conservarli in frigorifero per qualche giorno.

  • Senza guscio

Ne avrai bisogno per insaporire l’insalata della cena o per preparare le uova di mimosa? In questo caso, una volta sbucciate, lasciatele raffreddare a temperatura ambiente, mettetele in un contenitore ermetico e copritele con un canovaccio umido. Se li tenete in frigo per un po’, non dimenticate di cambiare il panno ogni giorno. In alternativa, è anche possibile conservarli in un contenitore non sigillato pieno d’acqua (cambiare l’acqua ogni giorno).

FYI

Le uova sode (sgusciate o sgusciate) devono essere consumate entro tre o quattro giorni dalla cottura. I tuorli cotti possono rimanere intatti fino a 5 giorni.

Domande frequenti

Come si conservano le uova sode?

Quindi, preferibilmente, conservateli in frigo ad una temperatura massima di 7°C. Ammettiamolo, il vano a loro dedicato nella  porta del frigorifero non è proprio adatto alle vostre uova sode, a causa della continua apertura e chiusura.  Inevitabilmente, saranno esposti a fluttuazioni di temperatura e sono quindi a rischio di danneggiarsi. Inoltre, poiché tendono ad assorbire odori forti, è meglio non metterli vicino a pesce o formaggio. È importante sottolineare che il guscio d’uovo non dovrebbe mai toccare altri alimenti per evitare la possibile trasmissione di salmonella (batteri tossici). Quindi, prima di buttare via la scatola di cartone, date un’occhiata alle indicazioni. Questa confezione fornisce informazioni utili sulla conservazione: alcuni produttori consigliano di mettere subito le uova in frigorifero, mentre altri specificano la data a partire dalla quale le uova devono essere refrigerate.

Nota: se lo si desidera, le uova crude possono essere congelate. Come? O rompi l’uovo per mescolare il tuorlo con l’albume, oppure puoi congelare i due separatamente.

Come fai a sapere se un uovo sodo è ancora sicuro da mangiare?

Di solito, ci affidiamo principalmente al nostro giudizio prima di mangiare un uovo. Il colore e l’odore sono spesso segnali evidenti.  Se l’interno dell’uovo è grigio o acquoso, probabilmente è rovinato. Se trovi che il guscio è viscido, probabilmente è contaminato da batteri o muffe. Allo stesso modo, una conchiglia marrone è un segno di decadimento. Dopo la cottura, notate che il tuorlo è pallido o addirittura verdastro? Significa solo che l’uovo è stato troppo cotto. Se l’hai dimenticato in padella, il tuorlo si mescola con l’idrogeno solforato, che è ciò che provoca quell’odore gassoso. E se noti un anello grigio ben marcato o uno che diventa verde, è del tutto possibile che l’uovo sia marcio.